Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tumori al seno, due mesi di ritardi negli screening: "Tornate a fare prevenzione precoce senza paura"

 

Ritorna la campagna "Nastro Rosa" della Lilt per la prevenzione dei tumori al seno, arrivata alla 28° edizione. L'evento, già da qualche anno, ha un suo logo di riferimento e  lo slogan "E' ora di prenderti cura di te".  Il tumore al seno resta il "big killer" numero uno per il genere femminile. La sua incidenza è in costante crescita, in Italia ogni anno si ammalano più di 40mila donne. Un incremento dovuto all’allungamento dell’età media della popolazione femminile e all’aumento dei fattori di rischio. Occorre sottolineare che sta cambiando anche l’età in cui la malattia si manifesta: il 30% circa prima dei 50 anni, fuori quindi dall’età prevista dai programmi di screening mammografico.  Che effetto ha avuto il lockdown sui controlli della prevenzione precoce, l'arma più potente contro il tumore al seno? Lo spiega il dottor Fabio Falcini, responsabile della prevenzione oncologica dell'Ausl. 

Leggi la notizia completa

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento