Mangiar bene s'impara!

Mangiar bene s'impara!

I segreti per una pancia piatta: tutti i consigli da seguire

Prendetevi cura della vostra flora intestinale, aiutandovi con Probiotici ed Enzimi digestivi

Guarda che pancia piatta che hai, che fortuna. Quante volte ho detto o pensato a questa frase. Innanzitutto, voglio fare una premessa : io non sono nessuno per dirvi cosa fare o meno, ma visto che spesso mi viene chiesto “come fare” e visto che io stessa ho acquisito un sacco di informazioni a riguardo, visto che ne soffro, ho deciso di scrivere nero su bianco una sorta di linea guida.

Si parte dalla costituzione: sei ginoide o androide? Una corporatura ginoide (a "pera") è caratterizzata da circonferenze più grosse nella zona dei glutei-fianchi e femorali. Al contrario l'androide (a "mela") le presenta nella zona addominale toracica-dorsale. Da qui si può già capire che se sei come me, un androide, la battaglia da combattere sarà davvero dura.

Che cosa fa gonfiare la pancia

DISBOSI INTESTINALE: si tratta di un’alterazione degli enzimi e della flora batterica intestinale che popolano l’intestino. A causa di ciò si verificano gonfiori, stitichezza, diarrea, malessere in generale (cambiamenti dell’umore) , disturbi del sonno  e riduzione della forza. Succede che gli enzimi cattivi digeriscono cio’ che noi non siamo riusciti a fare, generando aria all’interno della pancia.

CANDIDA: si può verificare quando, dopo aver mangiato zuccheri, frutta e carboidrati, si gonfia molto la pancia.

SONNO/CORTISOLO: una cattiva gestione del sonno e un ritmo sonno-veglia sregolato comportano una riduzione degli enzimi buoni dell’intestino. L’aumento del cortisolo ( anche dovuto dallo stress e un sonno poco ristoratore) comporta questa condizione patologica in forme piu’ o meno lievi (effettuare dei test di laboratorio può esser utile).

FRUTTA FRESCA: attenzione al timing: assumere frutta fresca dopo il pasto non è buona cosa, in quanto, essendo l’ultima ad esser stata introdotta, inizierebbe a fermentare prima di esser scomposta. Inoltre se avete uno stomaco pigro (esempio difficolta’ nel digerire o stitichezza) assumere frutta a colazione non è ideale se mischiata a cereali e yogurt (esempio) , sempre per il discorso di fermentazione a livello intestinale e conseguentemente produzione di gas.

LEGUMI: sono caratterizzati da due tipi di carboidrati, uno dei quali non viene digerito dai nostri enzimi “buoni”. E’ vero che per completare il profilo amminoacidico andrebbero assunti assieme a dei cereali (come il riso), ma contenendo sia carbo sia proteine , per alcuni la loro digestione potrebbe esser difficile, portando quindi a gonfiore.

CEREALI: l’unico che non crea aria è il riso perchè per natura nasce sott’acqua e quindi non va a creare aria, ovvero al contrario degli altri cereali che crescono in superficie.

FRUTTA SECCA: la frutta secca è ricca di fibre e di allergeni. Attenzione a non abusarne, in quanto un suo consumo inappropriato porta appunto alla produzione di gas addominale. Preferite fonti di grasso come olio, tuorlo, avocado e cocco fresco.

PRODOTTI LIEVITATI: attenzione al lievito di birra, che può appunto creare fermentazione nella pancia.

ALMENO 5 PASTI AL GIORNO: perche’ mangi cosi tante volte al giorno?? Perchè cosi tengo attivo il metabolismo , non appesantisco la digestione e non rischio attacchi di fame. Inoltre un metabolismo attivo , brucia calorie ed evita un accumulo di grasso.

VERDURE: attenzione ad abbinare verudre cotta con quella cruda: contengono acqua in maniera non omogenea e aumentano i tempi di digestione. Miraccomando le fibre ok, ma senza esagerare.

E quindi?

Prendetevi cura della vostra flora intestinale, aiutandovi con Probiotici ed Enzimi digestivi.

Eliminate alcool, fumo e limitate il consumo di farmaci.

Eliminate zuccheri e farine raffinate (ogni tanto non succede nulla, ma il troppo..stroppia).

Preferite la verdura e la fruta cotta (la banana non dovrebbe dare problemi perche contiene meno acqua; macedonie di melone, cocomero e altri frutti sono pieni di acqua).

Evitate i prodotti lievitati, come pane e crackers, e i legumi, i quali potrete reintrodurli piano piano nella vostra alimentazione una volta a settimana.

Frutta a guscio: eliminatela o al massimo una manciata (circa 15/20grammi) al giorno, semi oleosi compresi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attenzione alle calorie: è ovvio che un surplus calorico protratto nel tempo comporta ad un aumento dell’adipe che andra’ a depositarsi a mano a mano nei punti di accumulo (ginoide/androide).

Mangiar bene s'impara!

Sono Claudia, amo la cucina, il fitness, l'alimentazione e seguo uno stile di vita sano e attivo. La mia giornata si articola fra un bilanciere, un circuito hit , i fornelli e una ciotola di avena. Mi piace informarmi, studiare e curiosare fra libri, video e blog di nutrizione. Le diete? Quelle famose provate tutte! Per giungere a quale conclusione? Che il nostro benessere comincia a tavola ! La ricetta segreta? 100 grammi di determinazione, 50 grammi di amore, 30 grammi di inventiva, 10 grammi di capacità e un pizzico di sana follia! Ed è grazie ad essa che ho aperto la FIT BAKERY a Forlì. E la vita cominciò con un peccato di gola ...!

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ForlìToday è in caricamento