Il Museo diocesano salva il chiostro di San Mercuriale

Il primo cittadino forlivese conferma che il Museo della Diocesi di Forlì Bertinoro, idea nata da un'esigenza del vescovo, sarà costruito proprio nei locali del chiostro dell'abbazia

Una settimana fa il capogruppo del Pdl in consiglio comunale, Alessandro Rondoni, ha risollevato il tema del degrado al chiostro di San Mercuriale, chiedendo al Comune di intervenire al più presto. Il sindaco di Forlì Roberto Balzani tranquillizza tutti. “Il Museo diocesano nascerà proprio lì. Gli spazi sono stati liberati dal Centro di accoglienza diurno della Caritas già dal 31 marzo. A questo punto la situazione è in movimento, verso un definitivo riassetto”.



Il primo cittadino forlivese conferma che il Museo della Diocesi di Forlì Bertinoro, idea nata da un'esigenza del vescovo, sarà costruito proprio nei locali del chiostro dell'abbazia di piazza Saffi, fondamentale simbolo religioso della città. “Il progetto è già in essere e verrà presentato a metà giugno. Ovviamente questo cambiamento permetterà anche una revisione dello stabile ed una rivalutazione di tutto l'ambiente. Questo sarà un altro punto del percorso museale che vogliamo creare in città”.

Intanto comunque il chiostro è sorvegliato da telecamere e da passaggi costanti della Polizia Municipale. Ma certamente con l'arrivo del Museo potrà ritornare all'antico splendore, evitando che possa ricadere al degrado attuale.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cacciatore ferito da spari durante una battuta di caccia: soccorso in gravi condizioni

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Altro colpo al commercio in centro: due chiusure a pochi metri nel cuore dello shopping

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • L'allarme suona, nella borsa spunta un portafogli rubato: "Potrebbe essere stato nostro figlio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento