Botte alla compagna e alla figlia: dovrà stare lontano da loro 500 metri

L'individuo ha cercato di giustificare quando accaduto, spiegando di essere senza lavoro da oltre un anno e che sta vivendo un momento di crisi

Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l'arresto del 38enne, già noto alle forze dell'ordine, fermato nel cuore della nottata tra sabato e domenica dai Carabinieri di Meldola per aver picchiato in preda ai fumi dell'alcol la compagna e la figlia dodicenne. Accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, l'indagato è tornato in libertà, col divieto di avvicinarsi a meno di 500 metri dalla compagna o dalla figlia e dove esse vivono.

L'individuo ha cercato di giustificare quando accaduto, spiegando di essere senza lavoro da oltre un anno e che sta vivendo un momento di crisi. Ai militari intervenuti la donna ha riferito che non era la prima volta che venisse picchiata. Madre e figlia erano state accompagnate al pronto soccorso di Forlì e dimesse con cinque giorni di prognosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento