Non provi desiderio per il partner? Potrebbe essere anoressia sessuale

Scopriamo che cos'è l'anoressia sessuale, come si manifesta e come si affronta

Potrebbe sembrare incredibile, dal momento che l'interesse per l'attività sessuale sembra ai più una cosa del tutto naturale, ma ci sono persone che hanno poco interesse o che sono addirittura indifferenti verso questo aspetto della vita umana. Esistono vari gradi di interesse, come per tutte le cose, e non è necessariamente una cosa negativa; ma qualora la situazione sia sofferta o si verifichi in seguito a eventi particolari, si può parlare di "anoressia sessuale", intesa come una forma di rifiuto più o meno completo rispetto al sesso.

Secondo una rigorosa ricerca su circa 4.000 persone, soprattutto donne, è stata dimostrata l'esistenza di questo genere di problemi. Negli USA per esempio il 43% delle donne intervistate ha dichiarato di riconoscersi in una situazione di scarso desiderio ed il 22% riportava forme di stress personale correlate al sesso. Nonostante questo, l'ultima versione del 'Manuale diagonistico e statistico' dell'America Psychiatric Association (considerata una bibbia per gli esperti del settore) non riporta il termine 'anoressia sessuale' e neppure quello di 'disturbo da avversione sessuale', assenza motivata, a quanto pare, dall'insufficiente ricerca a supporto della sua esistenza.

Cause dell'anoressia sessuale

Fra le cause dell'anoressia sessuale si possono elencare:

  • carenza di autostima;
  • presenza di relazioni conflittuali nella coppia;
  • aver subito in passato una violenza sessuale che ha lasciato un segno psicologico indelebile;
  • educazione restrittiva ed ansiogena che ha attribuito al sesso l'immagine di una attività potenzialmente pericolosa.

Sintomi dell'anoressia sessuale

Alcuni sintomi dell'anoressia sessuale sono i seguenti:

  • mancanza di interesse verso le attività sessuali;
  • mancanza di fantasie erotiche;
  • risposta fredda e distante alle avances sessuali del partner;
  • scarsa o nulla soddisfazione sessuale quando si cede comunque ad un rapporto.

Prima di autodiagnosticarti un problema come l'anoressia sessuale, assicurati che la situazione non sia passeggera; se sospetti che sia il tuo partner a soffrirne, prima di affibiargli un'etichetta prova a parlargli/le e assicurati che non sia semplicemente qualche preoccupazione a rendere più difficoltoso il suo trasporto nell'intimità.

In ogni caso, la condizione di anoressia sessuale può essere superata con l'aiuto di un terapeuta esperto in tecniche cognitivo comportamentali e con l'esposizione progressiva agli stimoli temuti. In questo caso la finalità del trattamento non è legata ai problemi strettamente sessuali, ma aiuta ad affrontare tutto quello che può esserci a monte, in primis la paura delle relazioni interpersonali che sono invece necessarie per poter condurre una vita soddisfacente.

Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

Calo glicemico: ecco i sintomi da non sottovalutare

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento