Calo glicemico: ecco i sintomi da non sottovalutare

Per le persone con diabete, i livelli di glucosio e insulina sono vitali: un calo della glicemia può essere causato da vari fattori, ed è importante riconoscerne i sintomi per poter subito correre ai ripari

Se convivi con il diabete o vivi accanto a qualcuno che ne è affetto, è importante riconoscere i segni di un basso livello di zucchero nel sangue e come reagire alla situazione nel momento in cui vi fosse un'emergenza. L'equilibrio tra glucosio (o zucchero) e insulina nel flusso sanguigno di un individuo, infatti, è delicato. Per le persone con diabete, i livelli di glucosio e insulina sono vitali: una quantità insufficiente di insulina, può far salire il glucosio a livelli allarmanti. Troppa insulina, d'altro canto, può causare ipoglicemia, e anch'essa può trasformarsi in un'emergenza.

L’ipoglicemia può causare convulsioni o perdita di coscienza, e per questo è una condizione importante da rilevare e trattare in tempi celeri. I livelli che scendono sotto i 70 milligrammi per decilitro, sono considerati bassi e spesso pericolosi. Un calo della glicemia nei diabetici può essere causato da una serie di fattori, tra cui: troppa insulina o altri farmaci per il diabete, esercizio insolitamente intenso, bere alcolici (soprattutto senza cibo) o saltare i pasti.

I sintomi del calo glicemico

Il primo passo nel trattamento di una caduta dei livelli di zucchero nel sangue è conoscere i segni. Oltre a istruirti sui sintomi dell'ipoglicemia, è importante che la tua famiglia, i tuoi amici e gli altri intorno a te, sappiano cosa cercare.

I sintomi di ipoglicemia di solito, iniziano rapidamente, con segni lievi come:

  • mal di testa
  • tremori
  • sudorazione
  • fame
  • irritabilità

È possibile che si verifichi un basso livello di zucchero nel sangue di notte, quando si dorme. Possono segnalare un calo della glicemia: 

  • incubi
  • sudorazione profusa
  • confusione al risveglio

Questi sintomi possono poi progredire in altri sintomi, che possono essere particolarmente pericolosi quando si è alla guida o si maneggiano strumenti o macchinari impegnativi:

  • convulsioni
  • sonnolenza
  • confusione
  • incoscienza

Come trattare un calo glicemico

L'unico modo per confermare lo stato ipoglicemico, è testarlo.

  1. Se ritieni che il livello di zucchero nel sangue possa essere basso, prova a mangiare da 15 a 20 grammi di glucosio o carboidrati semplici, come mezza tazza di succo di frutta, cinque caramelle dure.
  2. Dopo circa 15 minuti, controlla di nuovo lo zucchero nel sangue. Se il livello di glucosio non è aumentato oltre 70 mg / dl, consumare altri 15-20 grammi di glucosio.

Se i sintomi non vengono rilevati in tempo e l'individuo perde conoscenza, qualcuno dovrà assumere il controllo della situazione:

  1. Perdere conoscenza è più comune tra i soggetti inconsapevoli, una condizione in cui non ci sono sintomi di ipoglicemia. Potrebbe essere necessario iniettare glucagone, un ormone prescritto, che stimola il fegato a rilasciare glucosio nel sangue. Collaboratori, familiari o altri dovrebbero essere informati su come somministrare il glucagone.
  2. Se l'individuo non riprende conoscenza dopo l'iniezione del glucagone, chiama immediatamente il pronto soccorso: gli episodi ipoglicemici devono essere registrati e potrebbe essere necessario segnalarli a un medico, che può aiutare a prevenire futuri episodi di ipoglicemia.

Diabete: una convivenza difficile, ma non impossibile

Uno dei principali limiti alla serenità delle persone con diabete è la costante necessità di essere all’erta e percepire i prodromi dell’abbassamento eccessivo di glucosio nel sangue. Subentra un calo di autostima e quella sensazione di dipendere dal prossimo e spesso questo, causa la diminuzione all’aderenza alla terapia e agli stili di vita raccomandati.
Anche i familiari di persone con diabete, specialmente di bambini e ragazzi, vivono con preoccupazione l’eventualità di un’ipoglicemia, specialmente se notturna e quindi meno prevenibile.
L’adesione meticolosa alla terapia con insulina e l’impiego di farmaci flessibili che garantiscano una lunga durata d’azione sono di grande aiuto nel ridurre l’eventualità di ipoglicemie notturne; questi fenomeni, con l’avanzare della ricerca, stanno diventando meno frequenti e meno preoccupanti. La vita cambia, è vero, ma bisogna saperci convivere, e non è impossibile.

Riconoscere i sintomi dell'intolleranza al lattosio

Dove rivolgersi a Forlì:

Diabetologia, via Carlo Forlanini, 34, Padiglione Allende, Telefono: 0543731495

Allergia al nichel: come riconoscere i sintomi?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Invasione di vespe e calabroni: i Vigili del fuoco tempestati dalle richieste di intervento

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • La consegna del pane si conclude nella scarpata, fornaio ferito all'alba nello schianto

  • Rogo nella cucina di un appartamento del terzo piano, evacuata una donna

  • Coronavirus, un nuovo caso nelle ultime 24 ore. La Regione: "Attenzione ai viaggi anche in Europa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento