Prosegue l'attività sismica nell'entroterra forlivese: serie di deboli scosse nella notte

Si tratta di scosse "strumentali", che non vengono percepite dalla popolazione

Prosegue l'attività sismica nell'entroterra forlivese, iniziata sabato pomeriggio con una serie di scosse, la più importante delle 18.52, con magnitudo 3.7, seguita due minuti dopo da un altro evento di 2.9 e poi nella notte tra sabato e domenica da un terremoto di magnitudo di 3.6. Dalla mezzanotte di lunedì sono state registrate dai sismografi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma otto lievi scosse, la più intensa delle quali a sette chilometri a sud-est di Premilcuore con magnitudo 2 Richter ed ipocentro a cinque chilometri di profondità. Si tratta di scosse "strumentali", che non vengono percepite dalla popolazione.

Da sabato pomeriggio la terra ha tremato per ben 49 volte: nel conteggio è compresa anche una scossa di magnitudo 1.5 Richter a circa tre chilometri da Bagno di Romagna, registrata alle 16.32 e che ha preceduto quella più intensa di magnitudo 3.7 fra Premilcuore e Santa Sofia, ma avvertite anche in Toscana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento