• Quando al Buon Pastore nacque la carità forlivese

  • Che fine ha fatto la Madonna del Giglio?

  • C’era una volta la Chiesa di Santa Maria della Neve

  • Quando l’acquedotto romano generò la Pieve

  • Palazzo Albertini da Casa del Fascio a Camera del Lavoro

  • Quando il collegio Tartagni accoglieva gli orfani forlivesi

  • Cambia la Piazza, ma Saffi rimane

  • Quando gli anglo-americani bombardarono la Pianta

  • Quando Mussolini inaugurò il nuovo Collegio Aeronautico della Gil

  • Dal Cantone di Rialto la Piazza è in risalto

  • Anche la Brigata Ebraica fra i corpi militari transitati dalle Casermette nel corso del secondo conflitto mondiale

  • Il fascino ghibellino delle Case Maldenti

  • Scrivere di S. Martino in Strada è come riavvolgere il nastro della storia forlivese

  • Quando il Ronco fermò l’avanzata degli Alleati

  • Quando il Canale di Ravaldino dava scandalo

  • Quando Mussolini sostava da Damerini nel Cantone di Mozzapè

  • Il Palazzo Comunale di Forlì fra potere e congiure

  • La tragedia di San Biagio rimane una ferita insanabile

  • Un salto alle Regie Poste in via Stallacce

  • Il palazzo dell’Enel non elettrizza più i forlivesi

  • Il ponte sopravvissuto alla Wehrmacht

  • Quando l’oratorio del Melozzo era un deposito di vernici