Lunedì, 15 Luglio 2024

"Romagna per l'Ucraina", partita la missione umanitaria di 1400 chilometri. E l'Irst dona farmaci per i bimbi oncologici

Un viaggio della speranza, lungo oltre 1.400 chilometri. E' partita giovedì sera la missione umanitaria "Romagna per l'Ucraina", che arriverà in Polonia ai confini con l'Ucraina per portare aiuti alla popolazione coinvolta nel conflitto. Alla partenza, avvenuta dalla sede del Comitato per la lotta contro la Fame nel Mondo in via Lunga, erano presenti tra gli altri il vescovo Livio Corazza, il sindaco Gian Luca Zattini ed i sindaci di Forlimpopoli, Bertinoro e Meldola, Milena Garavini, Gessica Allegni e Roberto Cavallucci.

L'iniziativa ha coinvolto la Caritas di Forlì-Bertinoro, la Protezione Civile di Forlimpopoli e quella di Bertinoro-Civitella, il Gruppo di preghiera di Montepaolo, la Croce Verde Bidente e l’Agesci di Forlì. Complessivamente sono stati raccolti circa 60 quintali di aiuti umanitari tra indumenti, medicinali, kit di pronto soccorso, garze, cerotti, pannolini, alimenti ed altro, come spiega Davide Rosetti, presidente del Comitato per la lotta contro la Fame nel Mondo. Coordinatore della missione è Graziano Rinaldini. Per il trasporto sono stati impiegati cinque mezzi e 16 volontari. Generosa anche la donazione dell'Irst di Meldola, che ha donato medicinali per 10mila per i bimbi oncologici. E non sarà l'unica missione. 

"Romagna per l'Ucraina", partita da Forlì la missione umanitaria

Video popolari

ForlìToday è in caricamento