Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuova operazione antidegrado alla stazione della Polizia Locale: rimosse altre bici abbandonate

 

Operazione antidegrado venerdì mattina della Polizia Locale dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese nei pressi della stazione ferroviaria di Forlì. Gli agenti hanno dato corso ad un'attività di rimozione di bici, o rottami, abbandonati o assicurati ai pali della segnaletica stradale con tanto di lucchetto. Venerdì ne sono state rimosse poco meno di una trentina. Il Regolamento di Polizia Urbana e di Civile Convivenza recentemente innovato e introdotto dal Comune di Forlì pone le basi per un’efficace azione di intervento. Esso infatti, all’articolo 31, regolamenta il tema ponendo obblighi e divieti a cui i ciclisti si devono attenere al momento di lasciare in sosta il loro mezzo.

È vietato infatti agganciare le biciclette a monumenti e loro barriere di protezione, a semafori, colonne, impianti di segnaletica stradale e di arredo urbano (pali della illuminazione, alberi, impianti delle affissioni). È vietato, altresì, lasciare in sosta i velocipedi in modo tale da arrecare intralcio alla circolazione pedonale e veicolare, o possano costituire pericolo o pregiudicare il decoro urbano. Tali comportamenti comportano l’immediata rimozione della bicicletta che sarà restituita, previa contestazione di una sanzione amministrativa di 100 euro. I velocipedi in condizione di sosta irregolare, abbandonati da tempo o in stato di evidente disuso saranno rimossi e custoditi dall'amministrazione comunale per essere restituiti ai proprietari o, destinati a scopi di beneficenza trascorsi i tempi dettati dalla legge, senza essere stati reclamati dai legittimi proprietari.

"L'intervento antidegrado è un segnale concreto della maggior efficacia del nuovo Regolamento di Polizia Urbana e Civile Convivenza - commenta il vicesindaco Daniele Mezzacapo - Oltre alla questione del decoro, l'aver ripristinato le condizioni idonee accanto a spazi utilizzati correttamente da tanti cittadini è un fatto di rispetto nei confronti degli utenti, ottemperanza della normativa e maggior sicurezza per tutti. Per riuscire a creare queste condizioni operative abbiamo dovuto adattare alle esigenze attuali una normativa eccessivamente datata e ora il nuovo Regolamento di Polizia Urbana consente e consentirà di agire con efficienza e tempestività. Ringrazio la Polizia Locale per aver effettuato l'intervento e per l'attenzione che dedica quotidianamente al contrasto delle varie forme di degrado”.

"Esprimiamo perplessità riguardo la rimozione delle bici legate ai pali della stazione ferroviaria di Forlì all'interno dell'operazione antidegrado voluta dall'amministrazione cittadina (è vietato infatti agganciare le biciclette a monumenti e loro barriere di protezione, a semafori, colonne, impianti di segnaletica stradale e di arredo urbano - pali della illuminazione, alberi, impianti delle affissioni - pena l’immediata rimozione della bicicletta che sarà restituita, previa contestazione di una sanzione amministrativa di 100 euro) - commentano invece da Volt Forlì - Pur concordando sull'importanza del decoro cittadino, la perplessità nasce da una semplice constatazione: va bene, non si possono legare le bici ai pali, dove si possono legare allora in sicurezza? La copertura degli stalli regolari a Forlì è scarsa e di bassa qualità; nello specifico caso della stazione, le rastrelliere presenti non rendono possibile l'ancoraggio in sicurezza delle biciclette, e sono collocate in un'area scarsamente illuminata e senza alcun sistema di videosorveglianza, imprescindibile per una zona soggetta continuamente a furti. Con l'assenza di una copertura e sicurezza adeguata come si può incentivare l'utilizzo delle postazioni regolari e, più in generale, l'utilizzo della bicicletta? Non si può neanche sostenere che un'azione seria in questa direzione sia in corso, visto che il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile previsto da questa amministrazione sia molto generico e alquanto fumoso sugli stalli sicuri. Come forza politica che crede moltissimo nella mobilità sostenibile, in particolare ciclabile (da mesi stiamo cercando di raccogliere le proposte dei gruppi di categoria), invitiamo l'amministrazione a creare un tavolo di confronto serio per sviluppare un piano più coerente con la direzione espressa con queste azioni (riteniamo più proficuo incentivare comportamenti virtuosi prima ancora di reprimere con regolamenti e operazioni a spot), invito ovviamente aperto a tutte le forze politiche interessate ad una Forlì che sia davvero amica della bicicletta e che non necessiti di azioni da sceriffo per decidere dove parcheggiare".

rimozione-bici-zona-stazione-ferroviaria-forli-polizia-locale-13-novembre-2020-2

rimozione-bici-zona-stazione-ferroviaria-forli-polizia-locale-13-novembre-2020-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
ForlìToday è in caricamento