menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Settore legno, stallo sul rinnovo del contratto di lavoro. I sindacati: "E' un diritto per tutti"

"Si rivendica - evidenziano - un contratto che garantisca diritti e salario per tutti i lavoratori del comparto"

"Contrarietà" sull'andamento della trattativa relativa al rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro del settore "Legno Industria". Ad aprimerla le rsu dell'azienda Atl Group di Bertinoro Marta Mazzoli e Emanuele Bonoli (Fillea Cgi) e Velia Moroni (Fenea Uil). "Si rivendica - evidenziano - un contratto che garantisca diritti e salario per tutti i lavoratori del comparto". La Rsu giudica, come come già espresso dalla delegazione trattante, "inaccettabile la richiesta
avanza da Federlegno sulle parti normative inerenti la flessibilità, sui contratti a termine, su lavoro somministrato e stagionale".

"La parte datoriale vuole rendere il lavoro sempre più precario, evitando qualsiasi confronto con la Rsu dell’azienda avendo così mano libera sulla vita dei lavoratori - viene aggiunto -. Si giudica insufficente anche la parte salariale messa sul tavolo. L’abbandono del tavoro di confronto da parte di Federlegno è altresi inaccettabile". Il contratto collettivo nazionale del lavoro è scaduto da marzo del 2019: "I settore ha bisogno del proprio contratto per ripartire - evidenziano i sindacalisti -. Alla ripresa della sospensione feriale, si proclameranno le assemblee per proclamare anche a livello di singola azienda il blocco degli straordinari e decidere quali azioni intraprendere a sostegno della vertenza. Il contratto collettivo nazionale del lavoro deve rimanere un diritto per tutti: Vogliamo il nostro contratto rinnovato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Fitness

Rassodare il seno: gli esercizi push up da fare a casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento