Domenica, 21 Luglio 2024
Imprese / Civitella di Romagna

Di generazione in generazione: due realtà ultracentenarie iscritte nel registro nazionale delle imprese storiche d'Italia

Il presidente della Camera di commercio della Romagna, Carlo Battistini, insieme al segretario generale, Roberto Albonetti, al vice presidente Fabrizio Vagnini e al componente di giunta Gaetano Callà hanno consegnato a ciascuna impresa una targa con l’attestato di iscrizione, e una vetrofania

Ci sono anche due realtà del forlivese tra le sette imprese ultracentenarie delle province di Forlì-Cesena e Rimini, che sono state iscritte nel Registro nazionale delle imprese storiche, edizione 2022. Salgono, così a 26 le imprese del territorio iscritte nel registro, che possono fregiarsi del marchio ‘Impresa storica d’Italia’. Il presidente della Camera di commercio della Romagna, Carlo Battistini, insieme al segretario generale, Roberto Albonetti, al vice presidente Fabrizio Vagnini e al componente di giunta Gaetano Callà hanno consegnato a ciascuna impresa una targa con l’attestato di iscrizione, e una vetrofania.

“Abbiamo voluto attribuire il giusto riconoscimento a queste imprese che da oltre un secolo - e c’è anche chi da oltre sei secoli - portano avanti i valori del nostro sistema imprenditoriale. Imprese che nelle vicissitudini della storia hanno resistito e hanno saputo innovarsi e adeguare la loro attività ai tempi, creando occupazione e crescita nei nostri territori - ha commentato il presidente camerale Battistini -. Costanza e intraprendenza sono caratteristiche dei nostri imprenditori e imprenditrici, il motore dello sviluppo delle nostre province, che meritano il nostro riconoscimento e il nostro sostegno. Alcune imprese, tra le premiate, hanno subito i danni provocati dall’alluvione, come Camera di commercio attiveremo a breve iniziative per sostenerle nella ripartenza”

Il Registro nazionale delle imprese storiche è stato istituito nel 2011 da Unioncamere italiana, in collaborazione con le Camere di commercio, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Lo scopo è di premiare le imprese storiche, con oltre 100 anni di attività, che hanno saputo trasmettere alle generazioni successive il loro inestimabile patrimonio di competenze e conoscenze, nonché i valori fondanti del ‘fare impresa’.

Delle sette imprese neo iscritte, quattro sono riminesi: Bar Pasticceria Vecchi La Cremma Srl (dal 1850), GSR SpA (dal 1890), Osteria del Borgo–La Marianna (dal 1908), tutte di Rimini e Tenuta del Monsignore dei Fratelli Bacchini (dal 1385) di San Giovanni in Marignano. Le altre tre sono della provincia di Forlì-Cesena: Albergo Ristorante Acquacheta Valtancoli (dal 1822) di San Benedetto in Alpe, E G & L Parrucchieri (dal 1882) di Civitella di Romagna e Tacchificio Zanzani srl (dal 1914) di Savignano sul Rubicone.

Il profilo storico delle imprese 

Albergo Ristorante Acquacheta Valtancoli - Ad aprire l'osteria "Acquacheta" di San Benedetto in Alpe fu un'ostessa che, sposando un vetturale, si trovò con lui a gestire la stazione di posta già mandata avanti dalla sua famiglia. Qui si fermavano a bere e a mangiare i viandanti con i loro cavalli. Lei, Francesca Ciani, aveva 18 anni ed era originaria di San Benedetto in Alpe; lui, che di anni ne aveva 24, si chiamava Vicienzo Valtancoli e veniva da San Lorenzo in Bastia, una località che distava circa 6 chilometri da San Benedetto. Si sposarono nel 1822 e da allora i due giovani iniziarono a gestire quella che sarebbe diventata prima un’osteria e poi il ristorante albergo "Acquacheta", ancora oggi gestito dalla famiglia Valtancoli all’interno della piccola comunità di San Benedetto in Alpe che, se nel 1822 contava 1.200 abitanti oggi ne conta non più di 173. La gestione dell’osteria prima e dell’albergo poi ha visto avvicendarsi le generazioni: il primo fu Vicienzo che si dice facesse anche il portalettere; fu seguito da figlio Pietro, Vincenzo, poi dal figlio di Pietro, Vincenzo, poi dal figlio Emilio, e ancora dal figlio Renato insieme alla moglie Wilma Pieri. Fino al 2018 a gestire l’azienda di famiglia c’è stata Maria Valtacoli, figlia di Renato, insieme al marito Carmine Russo. All'inizio all'osteria non c'erano le camere: c'era solo il piano terra dove i clienti si fermavano a mangiare e a bere. Era pienissimo soprattutto la domenica perché tutti quelli della zona, dopo essere stati a messa, il pomeriggio venivano a giocare a carte e a bere e restavano qui fino alla sera. Prendevano il quarto di litro o il mezzo litro di vino e un pezzetto di formaggio col pane. Poi negli anni Cinquanta è stato rialzato di un piano e sono state realizzate 5 camere da letto. Negli anni Settanta è stato costruito un altro piano e si arrivò a 13 camere. La gente veniva dalla città o dalle zone più calde per trascorrere un periodo in un luogo con l'aria buona, fare delle camminate, mangiare. Oggi l’albergo è condotto dal figlio di Maria, Nicolò Russo, il primo proprietario a portare un nome diverso da quello della storica famiglia. Per questa ragione nel 2018 si è deciso di aggiungere al nome "Acquacheta" anche il cognome Valtancoli per mantenere memoria delle origini. Il locale, nonostante tutte le varie ristrutturazioni e gli ingrandimenti, è sempre quello in cui si mangiava e beveva 200 anni fa.

E G & L Sas di Mambelli Eros & C. (E G & L. Parrucchieri) - L’attività di barbiere a Civitella di Romagna della Famiglia Mambelli risale al 1882, quando Angelo Mambelli (detto anche “e gob de generel” in quanto era stato attendente di un generale in guerra) aprì la prima bottega da Barbiere in San Filippo, rione del centro storico di Civitella di Romagna. Ne ereditò l’attività il figlio Luigi Mambelli (detto Luison) nel 1915 e la trasferì in piazza Matteotti n.1 (a circa 20 metri da dove è oggi). Suo figlio Gastone Angelo già da giovane iniziò a fare esperienza in bottega tanto che nel 1948 la ereditò trasferendola in piazza Matteotti al numero 22. Sotto la denominazione "Mambelli Gastone Angelo" l’attività proseguì negli anni e da piazza Matteotti 22 si spostò in piazza Giordano Bruno n.6 per poi ritornare nuovamente in piazza Matteotti 5/6. A partire dal 2001 la società è intestata al figlio Eros con la denominazione “E G & L Sas di Mambelli Eros & C.”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di generazione in generazione: due realtà ultracentenarie iscritte nel registro nazionale delle imprese storiche d'Italia
ForlìToday è in caricamento