rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Eventi Bertinoro

Con Entroterre Festival oltre 100 spettacoli che toccano anche il territorio: Fabrizio Bosso e Raphael Gualazzi, Neri Marcorè, Giovanni Truppi

Come sempre, i grandi eventi e concerti serali e all’alba si tengono nelle più spettacolari località del territorio, che si trasformano per l’occasione in insoliti palchi per accogliere emozionanti concerti di grandi nomi dello spettacolo italiano

Arriva l’ottava edizione di Entroterre Festival, il festival ideato e organizzato da Fondazione Entroterre, con la direzione artistica di Luca Damiani, che prosegue fino al 14 settembre con eventi diffusi in tutta l’Emilia-Romagna e da quest’anno anche in Toscana e in Lazio.  Oltre 100 gli spettacoli e gli eventi capillarmente diffusi in tutta la regione, da Piacenza, Parma e Modena a Bologna, Forlì-Cesena, Ravenna, nella città metropolitana di Firenze, a Palazzuolo sul Senio e Firenzuola e, nella città metropolitana di Roma, a Trevignano Romano. 

“La cultura, per un territorio, funziona come le radici”- afferma il Presidente Claudio Borgianni “permette di mantenere l’esistenza di una popolazione radicata in una determinata località a lungo, conferendo vigore e vitalità, sotto forma di senso, alla sua esistenza. Senza di essa, il territorio deperisce, muore. L’investimento e il lavoro di Fondazione Entroterre sul territorio è mirato a garantire la buona salute di queste radici e degli organismi che attingono nutrimento dal suolo per il loro tramite. Entroterre Festival – il nostro evento clou, con oltre 100 concerti ed eventi - applica e sviluppa nella forma compiuta del festival il metodo operativo di Fondazione Entroterre, che persegue la finalità ultima di creare bellezza, dando valore alle persone, alle loro storie, al territorio e alle comunità, in una fase storica di grande cambiamento: da una parte, viene stimolata la collaborazione trasversale tra le realtà del terzo settore, il cui vasto mondo di associazioni e fondazioni costituisce quasi un terzo del settore spettacolo, dall’altra è promossa la collaborazione tra enti iscritti al Runts, le realtà istituzionali e il mondo delle imprese dello spettacolo”. La fondazione agisce come un incubatore e un catalizzatore di progettualità e di realtà culturali locali, che promuove e sostiene nel loro percorso, permettendo loro di raggiungere obiettivi di ordine superiore, per realizzare un cambiamento positivo a livello comunitario: quello di lasciare in eredità agli abitanti un territorio rigenerato attraverso la forza della cultura, nella forma di una programmazione artistica vivace e innovativa, ma anche di un kit di competenze e di un network di relazioni atte a favorire lo sviluppo di progettualità future, che sappiano recepire gli indirizzi della riforma del terzo settore – in termini di sostenibilità, di collaborazione, di accessibilità, di attenzione al territorio – che tocca una parte importante del settore spettacolo”. La definizione di percorsi di co-programmazione artistica efficaci ai fini della trasformazione del Comune di Bertinoro, il “Balcone d’Italia”, in una nuova meta del turismo culturale italiano al centro della collaborazione di Entroterre Festival e Bertinoro Estate, il sostegno alla storica rassegna Estate ai 300 Scalini, il supporto al festival In mezzo scorre il fiume, il “design” culturale del Festival dei Borghi di Canossa e, tra le più recenti novità, il processo di incubazione dell’Associazione Kult, ai fini della ristrutturazione di uno spazio in disuso come lo Spazio 4.0 di Piacenza e la collaborazione con Associazione Giovanile Sintònia, realtà di grande vitalità con sede nella Città metropolitana di Roma, a Trevignano Romano con cui si avvia quest’anno un processo di co-progettazione ai fini della realizzazione del festival NaturArte, ne sono esempi concreti”. Il nostro progetto di sensibilizzazione delle realtà del settore, Zenit”, - conclude Borgianni – “con appuntamenti in Emilia-Romagna e nella città di Roma, confluirà in una grande adunanza programmata entro la fine dell’anno a Bologna, che permetterà alle singole realtà di interfacciarsi con un network di respiro nazionale”. 

“Di anno in anno, l’Entroterre Festival continua a crescere sul territorio italiano, a macchia d’olio, delineando oggi un vasto mosaico territoriale fatto di piccoli borghi e di città, di castelli e di cortili che possono rilucere di un nuovo splendore grazie alla musica, al teatro, alla cultura” commenta il Direttore artistico Luca Damiani. “L’incontro con la macchina organizzativa collettiva e partecipativa di Fondazione Entroterre dà luogo a una programmazione che possiamo definire “virtuosa”, una qualità che si esprime sia nella peculiare attenzione rivolta al territorio, alle piccole realtà, alla cultura del benessere e della sostenibilità sia nell’alta levatura dell’espressione artistica che caratterizza le performance di tutti gli artisti ospiti”.

Come sempre, i grandi eventi e concerti serali e all’alba si tengono nelle più spettacolari località del territorio, che si trasformano per l’occasione in insoliti palchi per accogliere emozionanti concerti di grandi nomi dello spettacolo italiano. Tra questi, la suggestiva Rocca, il Duomo e il Parco della Fratta, il parco delle antiche fonti romane abitato da alberi secolari a Bertinoro, la Certosa di Parma, i Siti archeologici romani di Claterna e San Pietro in Casale e quello etrusco di Monte Bibele, la Chiesa di San Piero Santerno, il parco San Pellegrino o dei 300 scalini a Bologna da cui si osserva la morfologia di tutta la città; il borgo medievale di Votigno di Canossa, piccolo gioiello nascosto tra le colline reggiane; la duecentesca Rocca di Dozza, residenza signorile dei Malvezzi-Campeggi, l’abbazia di San Mercuriale, icona della città di Forlì.

Tra gli appuntamenti con i “big”, realizzati in collaborazione con Bertinoro Estate si segnalano i concerti bertinoresi di Neri Marcorè ( 4 agosto) che, in Le mie canzoni altrui, sfoggia con ironia le sua vocazione di cantante; la prima data romagnola il 15 luglio dell’eccentrico e appassionato artista napoletano Giovanni Truppi, che presenta il suo nuovo album; un insolito e originale concerto che vede due fra i più eclettici protagonisti della scena musicale italiana, Fabrizio Bosso e Raphael Gualazzi  (26 luglio) insieme al quartetto Jazz Inc. e all’Orchestra d'archi di Rimini Classica in un’esibizione ispirata ai contenuti dell’ultimo album di Gualazzi, Bar del Sole in cui il pianista urbinate reinterpreta alcuni brani del più brillante cantautorato italiano; il felice ritorno di Danilo Rea e Luca Damiani, protagonisti il 18 agosto di una nuova avventura musicale del format Invenzioni a due voci, e ancora, il fumettista, disegnatore e autore Makkox e l’attore Valerio Aprea in un’inedita e appassionata edizione del loro format Dialoghi sul cambiamento ( 2 settembre); il geniale Antonio Rezza, leone d’oro per il teatro nel 2018, in Pitecus ( 1 luglio), il nuovo e fiammante spettacolo firmato assieme a Flavia Mastrella, prodotto in collaborazione con La Milanesiana. 

"Bertinoro riparte nel segno della musica, dell'arte, della cultura.” – dichiara Gessica Allegni, sindaca di Bertinoro - “Abbiamo attraversato giorni difficili a causa del disastro ambientale che ha coinvolto anche il nostro territorio, ma non ci siamo abbattuti e, usciti dalla fase di piena emergenza, siamo già al lavoro per una stagione estiva dove grandi eventi e solidarietà si terranno per mano. Il cartellone, che insieme a Fondazione Entroterre andiamo a presentare, sarà un momento di rinascita, per noi, i nostri cittadini, di ospitalità – che è un simbolo della comunità bertinorese - per tutti quelli che vorranno venire a trovarci. Ad ogni concerto ed evento raccoglieremo fondi per la ricostruzione e cercheremo di sensibilizzare le persone sui temi ambientali. Sarà una bellissima festa ma anche un'opportunità di riflessione e condivisione, impreziosita dalla presenza di grandi nomi della musica e dello spettacolo".

Il jazz è sempre tra gli invitati d’onore al festival che propone anche una serie di appuntamenti dedicati alle grandi Donne in blues, di cui sono protagoniste la voce suadente di Eloisa Atti (29 luglio), che ripercorre musicalmente la tormentata vita della grande Billie Holiday e la giovane promessa del jazz emergente italiano, Sara Ghtami con il suo omaggio alla “Queen of Soul”, Aretha Franklin (22 luglio).

La tradizione classica incontra il folk nel suggestivo concerto all’alba alla Rocca di Bertinoro dell’Orchestrona della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, una originale commistione tra una banda e un’orchestra. Un viaggio nel cuore dell’arte, delle tradizioni e della cultura australiane è quello proposto da Forlimpopoli DIDJIN’ OZ, il festival dedicato alle tradizioni degli antichi aborigeni d’Australia e al Didgeridoo, l’antico strumento suonato per accompagnare le cerimonie sacre, che ospita artisti provenienti da tutto il mondo.

Entroterre Festival è realizzato con il sostegno di MIC, Regione Emilia-Romagna, gode del Patrocinio del Comune di Bologna e della Città metropolitana di Roma ed è realizzato con il contributo del Comune di Bertinoro e delle amministrazioni comunali locali coinvolte nel progetto, in collaborazione con RM Servizi e con Bertinoro Estate, Teatro dei Mignoli - Estate ai 300 scalini, Stand up Comedy Bologna, KULT Aps, Festival e Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, Forlimpopoli Didjin’Oz Festival, Associazione Giovanile Sintònia Trevignano Romano, Fondazione Musica Insieme, Fondazione Pietà de’ Turchini, ASP Rinascimento 2.0, Appennino Festival, Festival dei Borghi di Canossa, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna, Casa dei risvegli Luca De Nigris, CSI, Rimini Classica, La Milanesiana, Diazzi Management, La Risonanza, l’Associazione Hendel e Fundacja Krośnieńska im. Ignacego Paderewskiego, Teatro del Baraccano, ANBIMA, Orvieto Festival della Piana del Cavaliere, Festival In Mezzo Scorre il Fiume.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con Entroterre Festival oltre 100 spettacoli che toccano anche il territorio: Fabrizio Bosso e Raphael Gualazzi, Neri Marcorè, Giovanni Truppi

ForlìToday è in caricamento