rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Eventi Rocca San Casciano / Via Aurelio Saffi

Maggio a teatro a Rocca San Casciano. Cristicchi e Pizzol in rassegna

Il teatro Italia, di recente inaugurazione, ospiterà alcuni spettacoli con volti noti del palcoscenico e del piccolo schermo: Simone Cristicchi, Debora Villa e Giampiero Pizzol

Il teatro comunale di Rocca San Casciano, di recente inaugurato ospiterà una stagione teatrale nuova di zecca.

"Quando le altre stagioni teatrali terminano e i teatri chiudono ci piace programmare rassegne di qualita' in spazi ritrovati e affascinanti", afferma il direttore artiastico Giancarlo Dini.

"Una valle molto bella, un paese accogliente "un poco romagna e in odor di Toscana" direbbe qualcuno è la collocazione ideale per una rassegna che ha in se il sapore del ricordo, della memoria ,della tradizione ma anche della veglia salace in cui alcune riflessioni, qui sugli scapoli, sui vitelloni romagnoli ma anche e soprattutto sulle donne possono essere fatte con toni un pò piu' frizzanti del solito. Come appunto nelle veglie di un tempo quelle belle e salaci che  la Romagna toscana , di cui Rocca S. Casciano era al centro , conosceva bene.

Ed è bello risalire le colline e strade della valle, magari a finestrino aperto sentendo gli odori della piena primavera nelle notti di maggio di cui altri ha cantato egregiamente fascino ed atmosfera per andare a far rivivere luoghi di spettacolo, a suo tempo ricchi di storie che brillanti amministrazioni hanno riaperto."

IL CALENDARIO DEGLI SPETTACOLI

Venerdì 11 maggio - Simone Cristicchi
LI ROMANI IN RUSSIA
regia Alessandro Benvenuti
Lo spettacolo, che ha debuttato a Mosca al Teatro Na Strastnom, racconta l’orrore della guerra attraverso la voce di chi l’ha vissuta in prima persona.
Il risultato è un affresco epico che non omette particolari crudi e rimossi dalla storia ufficiale (il luogo comune degli “italiani brava gente”), e che diviene quanto mai attuale in un’epoca di “bombe intelligenti” e “guerre umanitarie”.
Al centro della messa in scena le disavventure di Giggi, Mimmo, Peppe, Nino, Nicola e Remo, un gruppo di giovanissimi soldati della Divisione Torino, spediti a morire da Mussolini nella famigerata campagna di Russia (1941-1943), è questo l’episodio più drammatico vissuto dall’esercito italiano nella seconda guerra mondiale. Un esercito di straccioni e sbandati a cui rimangono solo fame, freddo, paura e il sapore di una disfatta: partono 220.000 ragazzi; sulla strada del ritorno dalla Russia ne resteranno circa 90.000.
Simone Cristicchi interpreta una nutrita galleria di grotteschi personaggi, in cui trovano spazio anche momenti ironici e divertenti. La regia impeccabile di Alessandro Benvenuti, rende questo spettacolo unico nel suo genere: emozionante, divertente, drammatico. 

Venerdì 18 maggio - Sogno di una notte di mezza età
con Debora Villadi Debora Villa, Giovanna Doninie Gianmarco Pozzoli 

Cosa succede ad una donna quando raggiunge i nannarannannanni? Cambia. Ma il cambiamento fisico,umorale, psicologico, non è graduale.No. Fidatevi, esiste un punto di svolta (detto simpaticamente punto di non ritorno)nel quale vi ritrovate catapultate senza neanche avere avuto il tempo di dire: «Xanax ». Il corpo cede, la memoria vacilla... Il peggio è che a livello psicologico diventate delle rocce. Siete delle furie. Sapete chi siete, cosa volete, cosa non volete e tutte le piccole e grandi insicurezze che vi hanno accompagnate fi no ad ora svaniscono.Tranquille, donne! Nel giro di una settimana avrete almeno una ventina di nuove paranoie, mille nuovi fastidi si affacceranno all’orizzonte.Ma soprattutto vi verrà la faccia come il c… Non in senso fisico, per fortuna quella vi cederà soltanto; no, è che direte tutto quello che vi passa per la testa, senza freni,senza inibizioni, libere!!!

Venerdì 25 maggio - Giampiero Pizzol e Giampiero Bartolini 
in Amamaz
Mi ammazzo, o in gergo felliniano Amamaz, che fa pensare volutamente all’Amarcord felliniano, è la storia di un suicidio mancato, o meglio di un suicidio differito. Ma Amamaz è anche e soprattutto, la storia dell’ambiguo rapporto che lega un curioso personaggio di arrangione solitario alla sua terra d’origine: la Romagna delle grasse sagre paesane e delle orde di villeggianti. Pizzol e Bartolini danno vita ad un comicissimo dialogo che porta i protagonisti di questo casereccio “delirio a due ” ad una illusoria liberazione nelle cadenze di un ballo. Liscio naturalmente! 
La rappresentazione, tutta in italiano, tranne ovviamente il titolo, vive di un clima sempre in bilico tra allegria e nostalgia, solitudine e compagnia, realtà e fantasia. Nel 2016 lo spettacolo festeggerà 20 anni di vita.

Biglietti intero :12 euro ridotto : 10 euro Abbonamento a 3 spettacoli: 20 euro
Informazioni e prenotazioni : 338 3169741
Ritiro abbonamenti :Sabato 4 maggio ORE 11-13 PRESSO TEATRO iTALIA
veerdì 11 maggio ore 11-13  e 15-18

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maggio a teatro a Rocca San Casciano. Cristicchi e Pizzol in rassegna

ForlìToday è in caricamento