rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Eventi

Ultimo incontro per l'anteprima del Festival di Caterina Sforza: li linguaggio della moda

Il valore sociale, simbolico ed economico che la moda aveva all’epoca di Caterina Sforza. Le donne hanno offerto i loro corpi come vetrina d’esposizione della posizione della famiglia ma hanno anche utilizzato lo strumento della moda per rendersi visibili:

Tutto esaurito anche per l’ultimo evento dell'Anteprima del Festival "Caterina Sforza di Forlì. L’Anticonformista. 2022", diretto da Eleonora Mazzoni, promosso e coprodotto dal Comune di Forlì. Duecentocinquanta studenti degli istituti superiori e un folto numero di appassionati hanno partecipato ai primi due appuntamenti e hanno già prenotato anche per giovedì 19 alle ore 11 presso la Fabbrica delle Candele.

In questo terzo e ultimo appuntamento la Professoressa Maria Giuseppina Muzzarelli, attingendo ai suoi studi trasversali sulla moda e il lusso, ci racconterà il guardaroba medievale e il valore economico, sociale, simbolico che avevano vesti e ornamenti al tempo di Caterina Sforza. Introducono Eleonora Mazzoni e Marco Viroli

“?? ?????????? ????? ????? ?? ????? ?? ???????? ??????” ovvero il valore sociale, simbolico ed economico che la moda aveva all’epoca di Caterina Sforza. Le donne hanno offerto i loro corpi come vetrina d’esposizione della posizione della famiglia ma hanno anche utilizzato lo strumento della moda per rendersi visibili. Tramite gli abiti hanno comunicato status personale e sociale non diversamente dagli uomini ma, come vedremo, più colpite da limitazioni e divieti contenuti nelle leggi suntuarie emanate ininterrottamente dal secondo Duecento fino alla fine del Settecento. L’esame di alcuni ritratti del tempo di Caterina consentirà alla professoressa Muzzarelli un approfondimento relativo a tessuti, colori ed ornamenti, in grado di parlarci di produzioni e commerci ma anche di gerarchie, di gusti, di passioni e di sentimenti.
 

????? ?????????? ??????????

È ordinaria di Storia Medievale, Storia delle città e Storia e patrimonio culturale della moda presso l’Università di Bologna. Oltre ad essere uno dei quindici studiosi che compongono il comitato scientifico di “Passato e Presente”, il programma di Paolo Mieli su Rai Storia, e sua abituale ospite, Muzzarelli ha compiuto studi trasversali sulla moda e il lusso, tra medioevo ed età contemporanea, con attenzione particolare al problema della diffusione del velo in Occidente, sul ruolo della donna e sul rapporto femminile con la maternità e con il cibo, pubblicati dalle più importanti case editrici italiane. Fra le sue pubblicazioni, per il Mulino: "Guardaroba medievale. Vesti e società dal XIII al XVI secolo", "Pescatori di uomini. Predicatori e piazze alla fine del Medioevo", "Un'italiana alla corte di Francia. Christine de Pizan intellettuale e donna", "A capo coperto. Storia di donne e di veli", "Le regole del lusso. Apparenza e vita quotidiana dal medioevo all'età moderna"; per Laterza: "Nelle mani delle donne. Nutrire, guarire avvelenare dal medioevo ad oggi", “Madri, madri mancate, quasi madri. Sei storie medievali.

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultimo incontro per l'anteprima del Festival di Caterina Sforza: li linguaggio della moda

ForlìToday è in caricamento