Lunedì, 18 Ottobre 2021
social

Tornano i balli di tradizione ottocentesca e scozzese: "La socialità riparte dopo esser stata messa a dura prova"

La Società di Danza si avvale anche di forme di collaborazione con enti ed istituzioni, ad esempio con i Musei del Risorgimento

La serata inaugurale è fissata per lunedì 4 ottobre. La palestra della scuola elementare "De Amicis" di via Oriani ospiterà la prima dei corsi di danze di società di tradizione ottocentesca e scozzese organizzati dal Circolo di Romagna della Società di Danza. Si tratta, spiega Bruna Bertini, "della ripresa di una socialità messa a dura prova in questo terribile momento storico. La Società di Danza è una Federazione di circoli, gruppi ed individui, nata da un’esperienza di ricerca presso il Dipartimento di Arte Musica e Spettacolo dell’Università di Bologna nel 1991 come associazione culturale fondata e diretta da Fabio Mollica.

"La danza come progetto è pensato come un piccolo progetto sociale ed artistico; realizzare l’idea che attraverso la socializzazione si raggiunge il fine del danzare, cioè il piacere di stare insieme realizzando un’esperienza gioiosa - entra nel dettaglio Bertini -. La Società di Danza si avvale anche di forme di collaborazione con enti ed istituzioni, ad esempio con i Musei del Risorgimento, con i quali svolge attività di diffusione della cultura della società dell’Ottocento, momento storico di significativa importanza".

Inoltre, ricorda Bertini, "il Circolo di Romagna della Società di Danza promuove sul territorio della Romagna lo studio, la pratica e lo sviluppo di un sistema di danza basato sulla tradizione europea delle danze di società dell’Ottocento. Le danze studiate e praticate sono valzer, quadriglie, mazurke, polke, e scottish country dance". I corsi verrano svolti nel rispetto delle normativa vigente. Per informazioni è possibile contattare 3402923818.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano i balli di tradizione ottocentesca e scozzese: "La socialità riparte dopo esser stata messa a dura prova"

ForlìToday è in caricamento