menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonfiglioli, accordo raggiunto: confermati gli investimenti su Forlì

Al termine di un incontro iniziato il 29 febbraio e conclusosi il giorno dopo, è stata raggiunta una Ipotesi di Accordo riguardo al rinnovo del Contratto di gruppo Bonfiglioli.

Nella mattinata del 1 marzo, al termine di un incontro iniziato il giorno precedente, è stata raggiunta una Ipotesi di Accordo riguardo al rinnovo del Contratto di gruppo Bonfiglioli. L'ipotesi di accordo contiene diversi aspetti particolarmente significativi, tra cui la conferma che i piani di sviluppo dell'azienda sono tesi a consolidare i livelli occupazionali e l'occupazione complessiva. Confermati quindi gli investimenti sullo stabilimento di Forlì.

A tale riguardo Gianni Scaltriti – Segretario Generale regionale della FIOM CGIL - ha dichiarato: "Sono stati confermati gli investimenti su B6 (Forlì) il mantenimento dello stabilimento B2 a Bologna, il potenziamento dello stabilimento B3( a Bologna) e dello stabilimento B7 (a Vignola) prevedendo il trasferimento di 45 lavoratrici /lavoratori dallo stabilimento B1 (di Bologna). Ciò avverrà utilizzando il criterio della volontarietà e delle competenze professionali, con il trasporto collettivo a carico dell'azienda e con il riconoscimento del disagio che ciò comporta il riconoscimento dell'applicazione del CCNL del 20 gennaio 2008 e la conferma di tutte le agibilità sindacali attualmente in essere per la FIOM CGIL un ulteriore sviluppo del sistema di relazioni industriali con il rafforzamento delle parti riguardanti la dimensione internazionale del Gruppo attraverso l'avvio della procedura di definizione del CAE (Comitato aziendale europeo) l'aggiornamento e la revisione degli accordi aziendali in materia di Inquadramento e Professionalità e la conferma degli impegni relativi alla Formazione professionale"

"Previsto inoltre il consolidamento e il miglioramento delle norme di stabilizzazione dei lavoratori a tempo determinato e dei lavoratori somministrati mediante la definizione di un bacino occupazionale aziendale di riferimento la conferma, anche attraverso modalità operative più precise, degli accordi aziendali in essere relativamente ai regimi di orario e alle flessibilità, nonché aumenti salariali certi e in cifra fissa di 35 € / mensili aumenti salariali per i lavoratori che operano a tempo predeterminato cioè a ritmo vincolato di 30 € /mensili. Prevista la definizione di un Premio di risultato variabile legato a indicatori di qualità , efficienza e redditività che, entro la scadenza dell'accordo prevista per il 31/12/2014, potrà distribuire oltre 5600 €. importo l'accordo prevede che una prima quota relativa al biennio 2010/2011,pari a 1200 € di tale (al 5° livello), venga erogata in due tranches la prima delle quali di 700 € con la prossima mensilità di marzo".

"Entro il 2014 inoltre - dice ancora Scaltriti - le parti si incontreranno per definire le quantità del consolidamento di una quota dei risultati del PdR (così come sempre avvenuto negli accordi Bonfiglioli Riduttori).E' stata una trattativa lunga e difficile che è costata oltre 90 ore di sciopero e ha visto straordinari livelli di mobilitazione come il presidio che per oltre 100 giorni è stato attuato in B1. Ritengo i risultati raggiunti complessivamente positivi e coerenti con il mandato della piattaforma via via confermato nei momenti di verifica effettuati durante la trattativa. Ritengo, infine, che siano risultati importanti anche per i metalmeccanici di Bologna, di Forlì e di Modena e, quindi, dell'Emilia Romagna. Come sempre il giudizio finale spetta alle lavoratrici e ai lavoratori di BONFIGLIOLI RIDUTTORI nel corso delle assemblee e del referendum che saranno organizzati nei prossimi giorni in tutti gli stabilimenti".

Anche la Uilm giudica positivamente l'accordo, "in quanto viene riconfermato il ruolo negoziale dell'RSU in materia di turni e orari di lavoro, ci sono risposte positive sugli investimenti e il piano industriale serve a consolidare i livelli occupazionali, sul salario è previsto un premio di risultato di oltre 5600 euro, un aumento fisso di 35 euro e 30 euro fissi per i lavoratori addetti a lavorazioni con produttività definita Inoltre viene salvaguardato il principio del consolidamento di una parte del salario acquisita con il premio di risultato, la cui quantità verrà definita entro la scadenza dell'accordo".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento