Domenica, 14 Luglio 2024
Nautica

La nautica riprende il largo e va a gonfie vele, si punta sulla formazione dei giovani: via agli stage

Cna si impegna per la crescita di un comparto sempre più strategico per il territorio

Un settore che va a gonfie vele, ma che sempre più ha bisogno di figure professionali con competenze specialistiche per continuare a crescere. A pochi giorni dalla chiusura del Salone nautico di Venezia, i dati sottolineano la vivacità di un comparto che negli ultimi anni si è dimostrato più forte di pandemia, turbolenze geopolitiche e rincari di materie prime ed energia e ora punta con convinzione sulla formazione di nuovi addetti in diversi ruoli chiave. 

VIDEO - La formazione nel settore nautica

In questa direzione Cna Formazione ed Ecipar Ravenna, mettendo insieme una nutrita squadra di partner pubblici e privati del territorio regionale, organizzano già da tre anni il corso formativo gratuito Ifts per “Tecnico di progettazione per la filiera della nautica esperto nel processo produttivo e nell’impatto economico del prodotto sostenibile”, un percorso formativo di alto livello della durata complessiva di 800 ore, di cui 480 di aula e 320 ore di stage. 

Il corso, finanziato con risorse del Programma Fondo sociale europeo Plus 2021-2027 della Regione Emilia-Romagna, è rivolto a chi intende acquisire e consolidare le competenze nell’ambito della filiera nautica e mira alla formazione di operatori professionali con competenze specialistiche per la nautica, in grado di progettare soluzioni e prodotti avanzati nei cantieri navali e nelle numerose imprese che compongono la filiera.  

I numeri della terza edizione del corso di alta formazione 

Sono 23 i partecipanti ammessi a partecipare all’edizione 2022-2023 del corso, partito lo scorso novembre per concludersi il prossimo ottobre. Di questi 9 sono laureati e 14 diplomati; al momento dell’iscrizione al percorso formativo 9 di loro lavoravano come dipendenti, 4 svolgevano un’attività come liberi professionisti e 10 risultavano non occupati a conferma che il corso rappresenta un’importante opportunità sia per chi è in cerca di un impiego sia per chi desidera perfezionare le proprie competenze in un settore dinamico e alla ricerca continua di profili specialistici. 

Dal disegno tecnico fino all’ingegnerizzazione del prodotto nautico, spaziando tra la modellazione tridimensionale, lo studio dei materiali più innovative e le soluzioni sostenibili a 360 gradi, le lezioni sono svolte a Forlì presso la sede di Cna Formazione e quelle dei partner coinvolti hanno permesso ai partecipanti di immergersi nelle ultime novità del comparto e di mettersi a confronto con i più avanzati metodi di progettazione del prodotto. Per 18 studenti è già iniziato lo stage presso una delle 50 aziende del territorio appartenenti alla filiera nautica e associate a Cna.  

I partner del corso organizzato da Cna Formazione Forlì-Cesena ed Ecipar Ravenna sono Alma Mater Studiorum - Università di Bologna - Dipartimento di Ingegneria Industriale, la Fondazione Its Maker (meccanica, meccatronica, motoristica, packaging), CNA Forlì-Cesena, Cna Ravenna, Cna Innovazione, la scuola capofila ITAER “Baracca” (Forlì) e le altre scuole ù"Marconi” (Forlì), "Bucci” (Faenza), “N.Baldini” (Ravenna) e le imprese Biesse Sistemi Srl, Blacks Srl , Bucci Composities spa, C.a.t.t. Srl, Cantieri Boschetti Snc, Cantiere De Cesari Snc, Cantiere Del Pardo Spa, Cantiere Foschi, Cantiere Marconi, Corset & Co Srl, Eidos 22 Srl, Ferretti Spa, Glomex Srl, Martini Costruzioni Nautiche Srl, Navico Forlì Srl, Officine Carnevali Srl, Phizero Srl, Quick Spa, Rosetti Marino Spa, Stilplast Srl, Vela Legno, Mama Srl, Wamblee Srl, Color Yacht Srl, Ice Yacht, Ceccarelli Yacht Design, Elettronsea. Altri partner sono T-Station Academy, Circolo Velico Ravennate e Its Tec.  

Un settore trainante bisognoso di manodopera qualificata 

L’ultimo rapporto di Deloitte Boating Market Monitor (2022) sottolinea che dal 2014 al 2021 il valore di mercato del settore nautico è cresciuto adun tasso medio del 10%, tanto che in Italia nel 2021 si sono raggiunti i 6,11 miliardi di euro di fatturato, tornando quindi a livelli di fatturato precedenti alla crisi del 2008.   “Già nell’ultimo trimestre del 2022 - rivela Paolo Francia, presidente Cna Nautica Forlì-Cesena - le aziende avevano ordinativi per tutto il 2023 e in gran parte per il 2024, arrivando addirittura a coprire anche l’anno 2025 nel segmento dei mega yachts. Tuttavia, le imprese non riescono a sostenere questa crescita perché mancano gli addetti in tutti gli ambiti: progettisti, tecnici, ma anche operai per la vetroresina, impiantisti e falegnami. Per questo la formazione rappresenta una scelta strategica che permette di sostenere la crescita del comparto e, allo stesso tempo, è in grado di garantire un’occupazione a tanti giovani desiderosi di cimentarsi in questo bellissimo mondo”. Non è un caso se nelle edizioni precedenti del corso Ifts per “Tecnico di progettazione per la filiera della nautica esperto nel processo produttivo e nell’impatto economico del prodotto sostenibile” circa il 90% dei partecipanti ha trovato un’occupazione, in gran parte presso le principali imprese del settore, partner del progetto e sede di stage per i ragazzi frequentanti questi percorsi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nautica riprende il largo e va a gonfie vele, si punta sulla formazione dei giovani: via agli stage
ForlìToday è in caricamento