Castrocaro festeggia la sua patrona: si celebra la Madonna dei Fiori

Domenica Castrocaro celebra la Madonna dei Fiori. Alle 10.30 è prevista la messa, mentre alle 16 ci sarà la processione mariana. Contornata da enormi mazzi di garofani e accompagnata dai tradizionali “ceri”, la Madonna dei Fiori uscirà in portantina dalla chiesa dei Santi Nicolò e Francesco per essere portata in corteo orante lungo viale Marconi. Alle 18.15 messa col vescovo Livio Corazza. Lunedì, alle 10.30, il vescovo celebrerà anche la santa Messa di conferimento della Cresima. Sempre il lunedì, alle 20.30, il Canto delle litanie accompagnerà la reposizione dell’immagine della Madonna dei Fiori nel suo altare, posto all’interno della chiesa parrocchiale dedicata ai Santi Francesco e Nicolò.

La festa liturgica della patrona castrocarese inizierà tuttavia sabato, con la messa prefestiva celebrata nella chiesa dei santi Nicolò e Francesco alle 17.30 da padre Daniele Marzotto, superiore della comunità dei Servi del Cuore Immacolato di Maria di Vecchiazzano. Prima della liturgia sarà inaugurata la mostra "Il mondo visto da un’altra prospettiva", dedicata alla figura di Annalena Tonelli, a cura dell’associazione culturale San Giovanni Bosco e del Centro missionario diocesano. Nei giorni della Festa saranno distribuiti i tradizionali garofani e sarà possibile rinnovare l’iscrizione alla Compagnia della Madonna dei Fiori.

La grande devozione tutta castrocarese per la Madre celeste nasce nel 1632: la popolazione locale, preservata dalla terribile peste dei due anni precedenti, fece solenne voto di organizzare ogni anno, nella domenica “in albis”, la prima dopo Pasqua, la festa della Madonna che sarà poi detta “dei Fiori”. L’effige della Beata Vergine è uno stucco a bassorilievo ricavato da un calco dell’opera dello scultore fiorentino Donato di Niccolò di Betto de Bardi, detto Donatello, oggi conservato nel Museo Federico di Berlino. “Il ritrovamento di tale pregevole stucco e l’attuale denominazione di Beata Vergine dei Fiori – scrive Giuseppe Mengozzi nel suo libro ‘Castrocaro storia e tradizioni’ – sono legati a leggende antichissime”. C’è chi afferma che l’immagine, portata a Castrocaro da qualche autorità o famiglia fiorentina (fino al 1923 la località termale ha fatto parte amministrativamente della Toscana), sia stata rinvenuta in un giardino, infissa ad un pilastro, in mezzo a folti cespugli fioriti di prugnoli e circondata da un’intrecciata ghirlanda di bellissime ciocche di alti fiori freschi. L’ipotesi più verosimile parla di Madonna dei Fiori semplicemente perché l’evento si tiene in primavera. E’ invece accertato storicamente che Castrocaro non sia stata toccata dalla “morte nera” portata in Italia nel 1630 dalle truppe tedesche, scese in Lombardia per combattere a fianco del Duca di Mantova. La peste fece strage un po’ ovunque in Romagna e Toscana, salvo che a Castrocaro e Terra del Sole.

La gente del posto, che si era rivolta preventivamente alla protettrice celeste, ascrisse alla Madonna la miracolosa esenzione dal contagio. Fino alla fine degli anni 80 del XX secolo, l'inizio dei festeggiamenti patronali avveniva con l'accoglienza solenne del vescovo diocesano, che rimaneva ospite in paese per tutta la durata delle celebrazioni. Anche la devozione mariana della vicina Terra del Sole (la festa si celebra la terza domenica di maggio) prende spunto dalla tragedia della peste e dal relativo voto: nella città di fondazione medicea la madre di Cristo è però venerata come Madonna delle Grazie.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Religione, potrebbe interessarti

I più visti

  • Arena Eliseo, riparte l'estate del cinema all'aperto: la programmazione di fine giugno

    • dal 25 al 30 giugno 2019
    • Arena Eliseo
  • Serata golosa con paella catalana a volontà

    • Gratis
    • 21 giugno 2019
    • Chiesa di San Giorgio
  • Mercatini, animazioni e buon cibo ai Giardini al Chiaro di luna

    • solo domani
    • Gratis
    • 20 giugno 2019
    • Parco della Resistenza
  • Spettacoli, percorsi enogastronomici e mercatini: ecco la Festa Artusiana 2019

    • Gratis
    • dal 22 al 30 giugno 2019
    • centro storico
Torna su
ForlìToday è in caricamento