Eventi innovativi e iniziative: alla Fanzinoteca d'Italia 0.2 torna "Un mare di... fanzine"

Per l'annuale edizione, undicesima, di "Fanzine's Summer" a Forlì arrivano le immancabili proposte dal mondo fanzinaro

Tutti al mare nostrum con “Un mare di... Fanzine” a Forlì, che domenica con l'inizio dell'estate prende avvio. Al Centro Nazionale Studi Fanzine - Fanzinoteca d'Italia 0.2, arriva l'annuale eizione, undicesima, della manifestazione “Fanzine's Summer - Estate Fanzinara”, con le proposte di iniziative ed eventi per tutta la stagione estiva targata 2020. Undici manifestazioni consecutive con le realizzazioni di ricchi calendari per innovative iniziative e proposte accattivanti per proseguire lungo un percorso fanzinotecario socio-culturale consolidato.

Quindi, aperti al pubblico, online o nel caso vi sia la possibilità di persona, si presenta iniziative con informazioni e chiarimenti ai molteplici aspetti della produzione di auto-edita dell'Editoria fanzinara italiana. Non mancheranno gli immancabili "Consigli di lettura" da parte dell'esperto fanzinotecario nazionale, Gianluca Umiliacchi, con “Una Fanzine al Giorno”, giunta già al numero 170, fresche fanzine per una calda estate, in grado di accompagnare tutti gli interessati nella prossima assolata stagione. "La manifestazione aderisce, come sempre, al progetto di promozione della lettura e conoscenza fanzinara, che vede coinvolte altre realtà, locali e no, 'l naufragar m'è dolce in questo mare di fanzine, si potrebbe affermare, per lasciarsi galleggiare in un mare di vitalità, il cui fondale è formato da una concreta e forte esperienza sociale - spiega il direttore fanzinotecario, Gianluca Umilacchi -. Previste in cartellone esposizioni consultabile, presentazioni e interventi mirati sulla comunicazione, conoscenza e apprendimento che verte anche sulla “educazione non formale", strumento di comunicazione individuale e sociale, in cui si fondono elementi che stanno cambiando la sostanza dei modi di diffusione della notizia e nell’approccio ad essa. Al vaglio eventuali trasferte e adesioni con partecipazioni alle varie campagne per manifestazioni di carattere nazionale e mondiale. L’editoria fanzinara italiana, oltre a rappresentare un grande patrimonio socio-culturale con un valore inestimabile, è una formidabile opportunità di crescita sociale e culturale, in grado di stupire tutti per il suo risultato finale".

"Nuovamente #laculturanonsiferma, l'invito da parte del Ministero della Cultura, e la Fanzinoteca d'Italia 0.2 prosegue, sebbene dato il periodo in corso con la prevenzione sanitaria, rimodulate e posizionate online. La struttura fanzinotecaria, con la valida rete di contatti nazionali ed internazionali, si propone di unire momenti di svago con momenti di confronto pubblico allo scopo di dare risalto e valorizzare le risorse creative, culturali e sociali presenti sul territorio - conclude Umiliacchi -. Grazie ai Televolontari, che non evitano di impegnarsi con la nuova attività di Televolontariato, sempre più attiva e dinamica la “Biblioteca delle fanzine” unico punto di riferimento nazionale, supportato da conoscenze e professionalità esclusive, con lo Staff Fanzinoteca e la collaborazione del Comitato di Quartiere Ca'Ossi e l'Associazione Culturale 4Live, prosegue la propria attività di volontariato culturale". Per conoscere dettagliatamente le iniziative o chiedere informazioni 3393085390, fanzinoteca@fanzineitaliane.it, skype fanzine.italiane e sito www.fanzinoteca.it. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento