Martedì, 16 Luglio 2024
social Forlimpopoli

Appassionato di metal detector da quando aveva 9 anni: conquista il Campionato italiano di specialità

Nel 2007 a 9 anni ha iniziato a gareggiare e da qui non si è più fermato: "Ora sono 16 anni che pratico quest’hobby e dal 2019 mi sto togliendo soddisfazioni enormi agli eventi di metal detector, numerose vittorie e podi"

Oltre alla bici da corsa ha una passione di cui non può fare a meno, il metal detector. E' Lorenzo Mazzi, giovane 25enne di Forlimpopoli,  già protagonista di due imprese, Everesting in bici da corsa, a Bertinoro e Teodorano. "Ancora non camminavo quando i miei genitori mi portavano alle prime gare di metal detector, mio babbo partecipa a queste gare dagli anni '90, sono presenti anche oggi molte delle persone che partecipavano in quegli anni, infatti ogni volta mi ricordano i momenti indelebili".

Nel 2007, a 9 anni, ha iniziato a gareggiare e da qui non si è più fermato: "Ora sono 16 anni che pratico quest’hobby e dal 2019 mi sto togliendo soddisfazioni enormi agli eventi di metal detector, numerose vittorie e podi, l'ultima lo scorso weekend è stata la più bella, "Il campionato italiano di specialità", organizzato da un negozio di metal detector molto famoso con sede a Terni - racconta -. Ogni tappa del campionato aveva un terreno (specialità) e difficoltà diverse (terra, spiaggia, spiaggia nera, bosco) e infine una gara di velocità. Ho vinto 4 tappe su 5, compresa la finale, e mi sono aggiudicato il campionato: hanno partecipato più di mille persone in totale. Nel podio finale insieme a me sono finiti, secondo classificato, mio fratello Luca Mazzi, 20 anni, e terzo Giovanni Zoboli, della provincia di Modena".  Tra i primi 10 non mancano altri Forlimpopolesi: Simone Montaletti (5º) e  il padre di Lorenzo, Guerrino Mazzi 10º.

"In queste gare non mancano la goliardia, pranzi al sacco con gli amici, risate a crepapelle e ricordi da portarsi per sempre nel cuore e ci sono anche moltissimi premi a estrazione per tutti i partecipanti. A volte, oltre alle gare, si organizzano pulizie di terreni o spiagge dall’immondizia,  come è successo a Tagliata di Cervia poco tempo fa. Un’altra cosa per cui si può essere fieri detectoristi è che ascoltiamo le richieste di persone che hanno perso oggetti, così da aiutarli nel ritrovamento - conclude Mazzi -. Quello che mi sento di dire è che il metal detector va praticato nel rispetto dei terreni, che bisogna chiudere le buche sempre, rispettare i vincoli presenti, aree archeologiche, vincoli paesaggistici, parchi e chiedere sempre il permesso al proprietario. Queste sono le poche regole da rispettare, per il resto, tanto divertimento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appassionato di metal detector da quando aveva 9 anni: conquista il Campionato italiano di specialità
ForlìToday è in caricamento