Tiro con l'arco

Tiro con l'arco, Ksiazek da urlo. Guidi sfortunato: ko alla Coppa Italia Master

Per l’atleta in forza alla compagine modenese del Ki Oshi Vignola dopo una qualifica che l’ha vista sempre nella zona alta della classifica è riuscita a conquistare un meritatissimo bronzo nella categoria Compound 55-59

Prova da leone della forlivese di adozione Teresa Irena Ksiazek alla Coppa Italia Master 2023 svoltasi a Castenaso (Bologna) lo scorso weekend. Per l’atleta in forza alla compagine modenese del Ki Oshi Vignola dopo una qualifica che l’ha vista sempre nella zona alta della classifica è riuscita a conquistare un meritatissimo bronzo nella categoria Compound 55-59 proprio nella gara più importante dell’anno dopo una stagione molto difficile, ma finita in gran crescendo. Nella gara Assoluta, dopo aver passato in scioltezza i primi due turni, Ksiazek ha mancato la qualifica per l’ultima fase per appena un punto classificandosi a un comunque eccellente nono posto.

Sfortunatissima prova invece per il marito Giampaolo Guidi tartassato da problemi tecnici per tutte le fasi di gara. Il 60enne forlivese, che era tra i favoriti della classe Compound 60/64, dopo aver concluso la sua prova al quinto posto, nella fase a scontri diretti, era lanciatissimo quando un improvviso cedimento dello sgancio a tre frecce dal termine lo ha privato della possibilità di entrare nel girone delle medaglie, lasciandolo ad immeritatissimo ottavo posto. “Un’emozione unica in un evento unico in Italia che permette alle classi Master di confrontarsi tra di loro - commenta Ksiazek -. La medaglia è il frutto di un duro lavoro e della grande passione che mettiamo io e mio marito al nostro campo di San Tomé, seguendo gli allenamenti del nostro Coach Alberto Venturelli. Ho tirato senza ansia e consapevole di quello che stavo facendo".

“Ho dato il massimo - continua laconico Guidi -. Ero pronto, ma quando i problemi sono meccanici si deve solo accettare la sorte. La preparazione atletica è stata perfetta quindi non posso recriminarmi nulla”. “Teresa da 10 e lode, Giampaolo meritava veramente di più, ma a volte la sfortuna è più forte - conclude coach Venturelli - abbiamo fatto un durissimo lavoro programmato nei dettagli per arrivare pronti all’evento e la grande crescita di Teresa nelle ultime settimane è stata evidente dopo un periodo di ricostruzione e la medaglia è stata la ciliegina sulla torta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiro con l'arco, Ksiazek da urlo. Guidi sfortunato: ko alla Coppa Italia Master
ForlìToday è in caricamento