Salute

Medici ed ostetriche si aggiornano sui "Percorsi per il benessere della donna nelle età della vita"

Tra gli aspetti curati del corso anche il miglioramento del rapporto medico-ostetrica-paziente in termini di relazione professionale ed umana

Sabato 29 settembre l'Irst di Meldola ospiterà il corso di aggiornamento a cura del dottor Andrea Amadori (dell'Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia) "Percorsi per il Benessere della Donna nelle età della vita" aperto a medici ginecologi, oncologi, dermatologi, fisiatri, medici di base, fisioterapisti e ostetriche. Si è voluto incentrare l’intero corso su due principali aspetti. "Il primo riguarda - viene spiegato dall'Ausl - la valutazione multidisciplinare di un sintomo, il dolore pelvico, che è proprio di diversi quadri patologici e parafisiologici (vulvodinia, vulvovaginite, carcinoma vulvare, stipsi e sindromi dolorose in gravidanza), può presentarsi nella donna in tutte le fasi della vita adulta (età fertile e gravidanza, menopausa e post menopausa)  meritando, quindi, di essere declinato in tutte le sue caratteristiche, aiutando medici ed ostetriche ad identificare in modo appropriato quadri patologici estremamente diversi tra loro partendo da un quadro semeiotico comune". 

Il secondo aspetto riguarda il miglioramento del rapporto medico-ostetrica-paziente in termini di relazione professionale ed umana. Ci sarà una lezione sulla "Gestione della relazione medico-paziente" a cura di Emanuela Mazza, professionista esperta, Membro della European Association for Communication in Healthcare, docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore alla Facoltà di Medicina e Chirurgia e al Corso Internazionale Medicine and Surgery, esperta di Comunicazione in Medicina.

"E’ ormai noto che la comunicazione in medicina è un elemento fondamentale per la qualità del percorso di convalescenza e di guarigione del paziente - viene rimarcato -. Lavorare con progressi in termini di relazione Medico-Paziente permette di migliorare la qualità della vita sia dei medici e delle ostetriche, sia delle pazienti stesse. L’intervento di questa professionista sarà svolto a più riprese, iniziando con la prima relazione ed intervenendo al termine di ogni sessione, costruendo un mini-percorso formativo articolato che a fine giornata permetterà l’acquisizione dei fondamenti per questo importante aspetto della nostra attività quotidiana". 

Numerosi i relatori, tra i quali Maggiorino Barbero, presidente della Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale e professionista estremamente competente e capace nel campo della Gestione del Pap test anormale e del II livello Screening; Filippo Murina, esperto nella gestione multidisciplinare della Vulvodinia; Laura Irali, presidente del corso e da sempre impegnata nella gestione delle patologie del basso tratto genitale; Carmine Carriero, riferimento da sempre nelle patologie Vulvari e Cervicali; e Alberto Agarossi, professionista esperto della Semeiotica pelvica. L’organizzazione di questo evento ha visto la collaborazione del Dipartimento materno infantile Forlì-Cesena, in particolare delle Equipe Ginecologiche di Forlì (Responsabile Angela Bandini) e di Cesena (responsabile P.G.M. Antonazzo).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medici ed ostetriche si aggiornano sui "Percorsi per il benessere della donna nelle età della vita"

ForlìToday è in caricamento