menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bartolini (Pdl): "Sbloccare i fondi del Patto di Stabilità"

L’Unione Europea e il Governo italiano hanno trovato un accordo per sbloccare i pagamenti della Pubblica amministrazione a favore delle aziende. L’UE, infatti, ha accettato di escludere il pagamento dei debiti commerciali della Pubblica amministrazione italiana dal tetto del debito nazionale

L’Unione Europea e il Governo italiano hanno trovato un accordo per sbloccare i pagamenti della Pubblica amministrazione a favore delle aziende. L’UE, infatti, ha accettato di escludere il pagamento dei debiti commerciali della Pubblica amministrazione italiana dal tetto del debito nazionale. La Commissione Europea, di conseguenza, con la dichiarazione congiunta dei Vicepresidenti della Commissione Ue Antonio Tajani e Olli Rehn, ha autorizzato il nostro Governo sia ad emettere titoli di Stato dedicati, con un vincolo di utilizzo degli introiti per il pagamento delle imprese creditrici, al fine di finanziare il pagamento degli arretrati senza che il nuovo debito faccia scattare procedure d’infrazione, perché tecnicamente i pagamenti saranno considerati fattori attenuanti del patto di stabilità e come tali non saranno presi in considerazione nel rapporto deficit/Pil, sia a procedere, in tempi strettissimi, alla sterilizzazione del patto di stabilità interno per consentire ai Comuni di pagare subito 9-10 miliardi di euro di arretrati.

I debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle imprese si aggirano tra 70 miliardi e 100 miliardi di euro (circa il 6% del Pil italiano) e il piano di pagamenti dovrebbe prevedere 40-50 miliardi di euro di pagamenti nel 2013 e il resto nel 2014. I settori che si avvantaggeranno maggiormente dallo sblocco dei pagamenti saranno quello delle costruzioni e quello delle infrastrutture, che rappresentano insieme circa 20 miliardi di euro sul totale dei crediti vantati dalle aziende. Solo per le città metropolitane, ad esempio, lo sblocco dei pagamenti alle imprese vale circa un punto percentuale di Pil e la revisione del patto di stabilità, vincolandolo al pareggio di bilancio, significherebbe 1 miliardo di euro da immettere nella nostra economia. Occorre, pertanto, agire con urgenza, data la situazione di grave difficoltà in cui versano le nostre imprese.

È per questo motivo che il Consigliere Regionale Luca Bartolini ha firmato insieme ai colleghi del  Gruppo regionale del PDL ha presentato una Risoluzione nella quale si impegnano il Presidente Errani e la Giunta regionale ad intervenire con la massima risolutezza presso il Governo nazionale attuale o costituendo per sollecitare un provvedimento d’urgenza finalizzato a sbloccare i pagamenti della pubblica amministrazione partendo dall’immediata revisione del patto di stabilità. “Ciò segnerebbe il concreto avvio di quella nuova stagione di responsabilità diffusa e condivisa da parte delle istituzioni e delle forze politiche che le animano finalizzata a rispondere concretamente alla vera priorità del nostro Paese: riavviare lo sviluppo economico e salvaguardare il lavoro e la vita delle imprese”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento