menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco Zattini presenta la manovra: "Non abbiamo la bacchetta magica. La parola d’ordine è 'investimenti'"

Il testo, che il Consiglio comunale si appresta ad analizzare, ha avuto martedì pomeriggio il primo passaggio in commissione, mentre il 20 dicembre ci sarà il voto definitivo

"Nel primo bilancio di previsione di questa Giunta (2020-2022), la parola d’ordine è “investimenti”". E' quanto sottolinea il sindaco Gian Luca Zattini. Il testo, che il Consiglio comunale si appresta ad analizzare, ha avuto martedì pomeriggio il primo passaggio in commissione, mentre il 20 dicembre ci sarà il voto definitivo. "Nei prossimi tre anni - afferma il primo cittadino - abbiamo programmato un piano di investimenti di più di 73 milioni di euro, focalizzandoci su quattro principali asset strategici: scuole, quartiere razionalista, impianti sportivi e verde pubblico".

Il primo capitolo riguarda la scuola: "Il nostro patrimonio edilizio scolastico va rimesso al centro dell’azione di governo. Prevediamo interventi strutturali di messa in sicurezza, di progettazione, di ampliamento e ammodernamento di moltissimi plessi. Investiremo con metodo e innovazione per l’educazione e la formazione delle nuove generazioni". Poi il Quartiere Razionalista: "Le azioni di riqualificazione e rilancio di questo prezioso patrimonio storico-urbanistico riguarderanno prima di tutto Viale della Libertà, Piazzale della Vittoria, l’ex Gil e il Parco della Resistenza. Interverremo implementando l’arredo urbano, valorizzandolo, ‘racconteremo’ la storia di questo quartiere che merita di essere narrato".

Attenzione sugli impianti sportivi: "Non è una novità ma lo ribadiamo: abbiamo messo a bilancio circa 7milioni di euro solo ed esclusivamente per ridare ‘dignità’ e sicurezza alle palestre del forlivese". Poi c'è il verde pubblico: "Un primo ciclo di potature riguarderà nelle prossime settimane ben 2.416 alberature per una spesa complessiva di circa 281mila euro. I nostri tecnici interverranno nelle zone più critiche del forese ma anche nel centro storico".

"Poi - ricorda Zattini - ci sono i 500mila euro che abbiamo riservato con urgenza per la messa in sicurezza e l’ammodernamento di una decina di alloggi popolari; gli interventi sulla viabilità urbana, sul patrimonio immobiliare e sugli impianti di illuminazione. Non abbiamo ‘messo mano’ alle aliquote comunali e ‘ci’ siamo fatti un regalo. A decorrere dal primo gennaio 2020, e per tutte le annualità 2020-2021-2022, è prevista l’esenzione dal pagamento del canone per le occupazioni temporanee e permanenti di suolo pubblico, realizzate dai pubblici esercizi autorizzati alla somministrazione di alimenti e bevande, con gli allestimenti esterni, “dehors”, regolarmente autorizzati. Questa è la nostra manovra. Non abbiamo la bacchetta magica e nemmeno la presunzione di poter rivoluzionare il sistema. Ma abbiamo l’ambizione di fare piccoli passi in funzione del benessere, economico e sociale, di Forlì e dei forlivesi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento