menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Castrocaro, "inopportuna la sede gratuita all'associazione Civis"

Sei anni di concessione gratuita per alcuni locali all'associazione Civis, che secondo il Partito Democratico locale sarebbe stati forniti perchè i dirigenti dell'associazione sono anche "politici"

Polemica sulla nuvoa sede concessa all’associazione “Civis” di a Castrocaro-Terra del Sole. Ad alimentarla il Partito Democratico locale, con in testa il suo segretario comunale Luigi Pieraccini, che punta il dito sulla scelta dell'amministrazione comunale di concedere “gratuitamente all'associazione onlus Civis l'uso di un locale posto nel complesso edilizio  dell'ex.macello e che la convenzione, in vigore dal 01/01/2012 scadrà al 31/12/2017”.

“Ora ci risulta che già nel 2010 alla Civis furono assegnati altri locali posti in Castrocaro all'angolo fra piazza Martelli e via Maltoni – fa notare Pieraccini -; ricordo che in quell'occasione fu sfrattata l'associazione  “Castrumcari” che a sua volta occupò altri locali sfrattando gli “Alpini”. Mi risulta che ora gli sfrattati siano stati i vigili urbani che sono costretti a parcheggiare all'aperto, anche  di notte, uno dei loro automezzi; non credo sia corretto favorire un'associazione a discapito di altre o addirittura a discapito delle istituzioni”.

“Vorrei conoscere se sul nostro territorio esistono associazioni che abbiano richiesto al Comune locali senza averli ottenuti – chiede Pieraccini -; in ogni modo non si capisce perché alla Civis venga assegnata una nuova sede senza richiedere il rilascio dei locali precedentemente assegnati. Ad essere maliziosi verrebbe da pensare che ciò avvenga in quanto alcuni dirigenti della Civis sono anche politici che fanno parte della maggioranza che attualmente amministra il nostro comune (vedi Lega Nord)”.

“Inoltre – aggiunge Pieraccini - ci sembra eccessiva la durata della convenzione (SEI ANNI) che va' decisamente oltre anche l'intero mandato della prossima amministrazione comunale; reputo quinti corretto pensare che  verso questa associazione vi sia, da parte dell’Amministrazione Comunale, un trattamento di favore rispetto alle altre associazioni”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento