menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni regionali, Spallaccia e Zanetti: "Sostegno alla comunità Lgbtq. Vogliamo un territorio accogliente"

"Esprimiamo il nostro completo sostegno alla comunità LGBTQ (lesbica, gay, bisessuale, transgender, queer), i cui diritti sono costantemente sotto attacco", evidenziano

Beatrice Spallaccia e Lodovico Zanetti, candidati di Emilia-Romagna Coraggiosa, prendono parola in merito al dibattito sulla legge regionale recentemente approvata contro l’omobitransfobia. "Esprimiamo il nostro completo sostegno alla comunità LGBTQ (lesbica, gay, bisessuale, transgender, queer), i cui diritti sono costantemente sotto attacco da parte delle destre reazionarie e oscurantiste anche in vista delle elezioni regionali - esordiscono -. Non ci sorprendono purtroppo le gravi dichiarazioni di chi promette di abolire la legge in questione in caso di vittoria elettorale, legge che secondo noi va migliorata ma che rimane un primo strumento di difesa contro l’odio di genere e per orientamento sessuale".

"Sul territorio forlivese abbiamo già avuto prova della negazione del principio di uguaglianza e pari opportunità da parte di una giunta comunale che ha respinto un progetto importante come quello delle associazioni "Un Secco No" e "Delfi", bloccando fondi regionali già approvati - aggiungono -. Vogliamo che la nostra città e la nostra regione siano un territorio sempre più accogliente e inclusivo. Per questo ci opponiamo con fermezza a una politica giocata sulla pelle delle persone e volta a discriminare i più deboli, agitando in modo strumentale e mistificatorio spettri inesistenti come quello della fantomatica “ideologia gender”, un ritornello vuoto che troviamo anche in questa campagna elettorale e il cui unico risultato è quello di diminuire la sicurezza di una parte della popolazione e aumentare il conflitto sociale".

"Ci teniamo a ribadire che non esiste nessun “gender”, nessun piano sovversivo contro la cosiddetta famiglia tradizionale: esistono sì gli studi di genere, che analizzano la società in ottica inclusiva e che sono un campo di azione e ricerca affascinante su cui invitiamo tutte le forze politiche a informarsi meglio per capire di cosa parlano - concludono -. Noi continueremo sempre a difendere i diritti civili e, in caso di elezione, ci impegniamo ad approfondire e migliorare il dibattito sulla legge regionale in questione, proponendo modifiche più efficaci e puntuali sulla lotta contro l’omobitransnegatività, ovvero azioni che mirino a combattere qualsiasi atteggiamento negativo e violento contro le persone LGBTQ”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento