Politica

Giornata contro l'omofobia, Morrone (Lega): "No a discriminazioni, ma il Ddl Zan è un pretesto"

“Certamente siamo nella stessa posizione di chi auspica, nella Giornata internazionale contro omofobia, transfobia e bifobia, il rigetto di ogni azione discriminante o di intolleranza legata all’identità sessuale"

“Il rischio vero è che il paese si impantani in un oceano di retorica e che si tenti di approvare leggi liberticide sull’onda dell’emotività e non del ragionamento e del pragmatismo”. A sostenerlo il deputato leghista Jacopo Morrone in una nota. “Certamente siamo nella stessa posizione di chi auspica, nella Giornata internazionale contro omofobia, transfobia e bifobia, il rigetto di ogni azione discriminante o di intolleranza legata all’identità sessuale - prosegue l'esponente della Lega -. Tuttavia riteniamo strumentale e fuorviante l’appello del segretario del Pd Enrico Letta a celebrare la ricorrenza con l’approvazione del ddl Zan".

"Ormai è cosa nota che i veri obiettivi di questo testo non riguardano l’introduzione di pene più severe per chi discrimina o usa violenza sulla base di pregiudizi legati al sesso, all’etnia o al credo religioso, come invece prevede il ddl presentato dalla Lega insieme alle altre forze dell’area di centrodestra - continua Morrone -. Il ddl Zan, al contrario, punta a mettere un bavaglio preventivo a chi non si adegua al pensiero unico dominante arcobaleno e a delegittimare chi non è d’accordo sulle adozioni gay, con l’utero in affitto o con la diffusione della teoria gender nelle scuole anche agli alunni più giovani. Quello che preoccupa, oggi, in Italia è che, nel silenzio pressochè generale, si assiste, come è stato denunciato da osservatori attenti, a uno strisciante e opprimente aumento di una cultura politica paternalistica e illiberale e a casi sempre più numerosi dove la libertà di pensiero e di parola sono negati. E su questo la sinistra avrebbe molto su cui riflettere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata contro l'omofobia, Morrone (Lega): "No a discriminazioni, ma il Ddl Zan è un pretesto"

ForlìToday è in caricamento