Mercoledì, 29 Settembre 2021
Politica

Marco Di Maio: "Cambiare la pubblica amministrazione con più spazio ai giovani"

“Questo decreto va nella giusta puntando sulle persone, sulla qualità, sulle competenze: verso una PA che non sia più controparte, ma alleata al fianco di cittadini e imprese”

“Questo decreto va nella giusta puntando sulle persone, sulla qualità, sulle competenze: verso una PA che non sia più controparte, ma alleata al fianco di cittadini e imprese”. Lo ha dichiarato il deputato romagnolo Marco Di Maio intervenendo in Aula alla Camera sul decreto reclutamento nella pubblica amministrazione. 

“Dobbiamo superare un divario con gli altri paesi e anche molti stereotipi, come quello della eccessiva quantità di dipendenti pubblici. Noi abbiamo il 14% dei lavoratori occupati nella P.a. rispetto al 18% della media Ocse, al 20-25% dei paesi nel Nord Europa. C’è bisogno di un Pubblica amministrazione che funzioni meglio e non con meno persone. Questo decreto va in questa direzione, ponendosi anche l’obiettivo di intervenire sul tema della percezione e quindi della qualità dei servizi". 

"Da questo punto di vista l’Italia denuncia un forte ritardo rispetto agli omologi europei - ha detto  -. Solo il 22% degli italiani si considera soddisfatto dei servizi forniti dalla P.a. Ciò non significa che non ci siano le competenze ma che dobbiamo farle emergere e cambiare paradigma. Si investe, così, sul rinnovamento anche per ovviare al mancato ricambio che Quota 100, una riforma sbagliata, non è stata in grado di garantire”. 
 
“Il decreto rappresenta quindi, anche in questo settore, un cambio di passo rispetto alle direzioni che erano state prese”, ha concluso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marco Di Maio: "Cambiare la pubblica amministrazione con più spazio ai giovani"

ForlìToday è in caricamento