Martedì, 22 Giugno 2021
Politica

PolStrada di Rocca, il sottosegretario Molteni: "Il controllo del territorio lo si fa potenziando i presidi"

Il Comitato Civico SS67 esprime "soddisfazione" per le parole pronunciate da Molteni

L'impegno del sottosegretario al Ministero dell’Interno, Nicola Molteni, per il presidio della Polizia Stradale di Rocca San Casciano a rischio chiusura. Intervenuto domenica sera in una diretta Facebook con il parlamentare e segretario della Lega Romagna, Jacopo Morrone, ha assicurato che "che si approfondiranno le motivazioni di ogni caso, arrivando anche a ribaltare le soluzioni ipotizzate, poiché se un presidio non garantisce più un servizio utile e necessario ai cittadini ed è diventato un “ramo secco” quello lo si taglia, ma se così non è, e si possono fare scelte diverse ed alternative, evidentemente è compito della politica quello di trovare delle soluzioni e a questo si sta lavorando".

Il Comitato Civico SS67 esprime "soddisfazione" per le parole pronunciate da Molteni, e nel corso della trasmissione, in rappresentanza del Comitato Civico SS67, Vincenzo Bongiorno e Alessandro Ferrini hanno ribadito, attraverso commenti Facebook, la necessità di mantenere aperto e operativo il distaccamento della Polstrada di Rocca San Casciano. I due esponenti leghisti non si sono sottratti dall’argomento. “Per questo li ringraziamo - affermano i coordinatori del Comitato Civico SS67 - e in particolare, ci sono sembrate importanti le parole del Sottosegretario Molteni che ha spiegato che il controllo del territorio lo si fa potenziando i presidi considerati utili”. Sul piano che prevede di chiuderne 23 in tutta Italia e in varie specialità di Polizia, tra cui appunto la Polstrada di Rocca, Bongiorno, Ferrini e Ragazzini sottolineano che “Molteni ha assicurato che si approfondiranno le motivazioni di ogni caso".

II coordinatori del Comitato osservano: “Questa impostazione ascoltata in diretta Facebook ci fa molto piacere e ci rende fiduciosi che il presidio di Rocca della Polstrada possa rimanere aperto e operativo, magari anche potenziato, proprio perché è strategico per la sicurezza stradale su un importante collegamento qual è la Strada Statale 67; senza dimenticare che la sede è concessa dal Comune di Rocca in comodato d’uso gratuito, con un risparmio per lo Stato, e che il presidio è presente dal 1959, da oltre sessant’anni, ben integrato nel tessuto sociale della vallata del Montone. A Molteni e al Sottosegretario all’interno, Ivan Scalfarotto di Italia Viva, abbiamo scritto con pec circa dieci giorni fa. Continueremo a relazionarci trasversalmente con tutti gli schieramenti politici e a comunicare le nostre ragioni, che consideriamo di buon senso e condivisibili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PolStrada di Rocca, il sottosegretario Molteni: "Il controllo del territorio lo si fa potenziando i presidi"

ForlìToday è in caricamento