Ripartenza della scuola, Vietina (FI): "Nelle bozze mancano i livelli minimi di servizio"

“Giovedì sarà presentato ufficialmente il Piano Scuola 2020-2021, un documento che avrebbe dovuto contenere il piano del Ministero per gestire il rientro nelle classi a settembre, studiato da un apposito gruppo di esperti messi in campo da ministro Azzolina"

“Giovedì sarà presentato ufficialmente il Piano Scuola 2020-2021, un documento che avrebbe dovuto contenere il piano del Ministero per gestire il rientro nelle classi a settembre, studiato da un apposito gruppo di esperti messi in campo da ministro Azzolina. Uso il condizionale perché nella bozza che ci è stata sottoposta manca tutto quello che ci saremmo aspettati: non ci sono indicazioni dei livelli minimi di servizio né modalità operative né, tantomeno, fondi a disposizione per affrontare questa emergenza che sta mutando nel profondo il nostro modo di vivere l’istituzione scolastica": è la posizione di Simona Vietina, parlamentare di Forza Italia, docente e componente della Commissione Cultura della Camera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come ormai è diventata un’abitudine fin dai primi giorni della didattica a distanza, il Ministero non fa nulla se non delegare la gestione della situazione facendola ricadere completamente sulle spalle delle scuole, degli insegnanti, dei dirigenti scolastici e dei sindaci, lasciati soli di fronte alla necessità di trovare spazi adeguati. Non mi stupisce affatto la perplessità che proprio questi i dirigenti scolastici, attraverso le parole del presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, Antonello Giannelli, abbiano espresso forti perplessità nei confronti del documento definendolo alquanto generico, sottolineando anche era attesa maggiore concretezza e che pur apprezzando le indicazioni sull’autonomia delle scuole, non vengono poi forniti strumenti per realizzarla. Per la ripartenza a settembre non bastano buone intenzioni e indicazioni genericamente condivisibili: serve un Piano Scuola che sia operativo, chiaro e che mostri in maniera inequivocabile come il Paese intenda investire nella scuola e nella ripresa delle attività didattiche. Si può e si deve fare molto meglio di quanto visto fino a oggi”, conclude Vietina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Fa una gita con gli amici e inciampa in una radice: portata al 'Bufalini' in elicottero

Torna su
ForlìToday è in caricamento