Aumento dell'Irpef, l'Ugl: "Dipendenti e pensionati duramente penalizzati"

La proposta del sindacato è di posticipare l'approvazione del bilancio di previsione, per potere partecipare assieme agli altri enti locali al tavolo di trattativa Anci con il Governo chiedendo la rinegoziazione dei trasferimenti dei fondi pubblici già decurtati ai Comuni

L'Ugl di Forlì-Cesena e Rimini “fortemente contraria” alla misura contenuta nel bilancio di previsione del Comune di Forlì del 2015 che prevede l'aumento dell'addizionale Irpef per i redditi da 8mila a 15 mila euro con l'aliquota che arriverà allo 0,6 per mille dallo 0.4 attuale e dai 15mila euro in su con l'aliquota (massima applicabile) che raggiungerà lo 0,8 per mille dall'attuale 0.49. “Si tratta di un provvedimento che colpisce la fascia sociale (lavoratori dipendenti e pensionati) che è già duramente è stata messa alla prova dalla crisi economica e che non assolve i principi di equità che sulla carta questa giunta comunale afferma di voler perseguire”, afferma Emanuela Del Piccolo, segretario provinciale Ugl di Forlì-Cesena e Rimini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La proposta del sindacato è di posticipare l'approvazione del bilancio di previsione, per potere partecipare assieme agli altri enti locali al tavolo di trattativa Anci con il Governo chiedendo la rinegoziazione dei trasferimenti dei fondi pubblici già decurtati ai Comuni. "La giunta comunale di Forlì ha lasciato inalterata la tassazione sulla casa e sugli immobili produttivi ma, per reperire risorse aggiuntive, non ha mai discusso approfonditamente di verifica e aggiornamento dell’inquadramento catastale delle abitazioni di lusso", afferma Del Piccolo. Il sindacato sostiene "che altre risorse potevano essere attinte dalla possibilità di un rimodulamento della Tasi che - salvaguardando le fasce sociali più deboli – poteva chiedere un contributo maggiore a chi possiede abitazioni di pregio. Ma nella stesura della manovra economica comunale questa eventualità non è stata mai presa in considerazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Travolto da un'auto mentre attraversa sulle strisce: anziano in condizioni critiche

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Pauroso schianto, finisce nel fosso e cappotta: liberato dall'abitacolo dai Vigili del Fuoco

  • "Sei entrato nel cuore di tutti": tanta commozione per l'ultimo saluto a Fabio Lombini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento