White List, Ravaioli (Pd): "Poche imprese iscritte alle liste di merito"

L’iscrizione volontaria tramite auto-dichiarazione delle imprese edili all’elenco di merito delle Imprese e l’istituzione delle ‘White List’, i numeri delle iscrizioni sono ancora molto ridotti

A diversi anni di distanza dall'istituzione del Protocollo tra Regione Emilia-Romagna e altri soggetti istituzionali ed economici che prevedeva, tra i vari strumenti messi in atto per garantire la massima trasparenza nell'ambito delle operazioni di ricostruzione seguenti al sisma del 2012, l’iscrizione volontaria tramite auto-dichiarazione delle imprese edili all’elenco di merito delle Imprese e l’istituzione delle ‘White List’, i numeri delle iscrizioni sono ancora molto ridotti. "Attualmente in Emilia-Romagna - spiega infatti la consigliera regionale Valentina Ravaioli - risultano iscritte 1300 imprese edili, peraltro solo una parte delle quali residenti nel territorio regionale, tra le oltre 66.000 attive in regione a fine 2016".

"Si tratta di un dato che fa riflettere - prosegue Ravaioli - e che deve spronare Istituzioni e Associazioni di Categoria a sostenere questo strumento, anche alla luce di quanto previsto dal Testo Unico sulla Legalità (legge regionale 18/2016), che ha esteso l’adozione dei suddetti elenchi a tutte le imprese operanti in settori particolarmente esposti al rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nell’ottica di rendere sempre più efficace l’azione di prevenzione - conclude il consigliere democratico - ho presentato una risoluzione che impegna la Giunta nelle azioni di promozione dell'iscrizione delle imprese negli elenchi di merito, anche con il coinvolgimento delle Pubbliche Amministrazioni, delle Associazioni di Categoria e dei Sindacati, e dell'acquisizione del rating di legalità per le imprese con i necessari requisiti, implementando gli strumenti previsti dal Testo Unico della Legalità e rafforzando azioni di coordinamento, a partire  dal possibile utilizzo della banca dati gestita da Anac".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Doveva chiudere e invece rilancia: in via Balzella arriva una nuova catena non presente a Forlì

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

Torna su
ForlìToday è in caricamento