Hockey, la Libertas chiude la stagione con la salvezza in pugno

Missione compiuta. Battendo 7-3 i diretti concorrenti dei Rhinos Treviso, la Libertas Hockey Forlì si è guadagnata con una giornata di anticipo il matematico diritto di partecipare alla serie A2

Missione compiuta. Battendo 7-3 i diretti concorrenti dei Rhinos Treviso, la Libertas Hockey Forlì si è guadagnata con una giornata di anticipo il matematico diritto di partecipare anche nella stagione 2012-13 al Campionato Nazionale di hockey inline di serie A2. I romagnoli chiuderanno la propria stagione agonistica sabato affrontando in terra siciliana i Catania Flames (ore 19, presso il Palatenda di Messina).

L’attenzione del sodalizio forlivese può ora concentrarsi tutta sulle formazioni del settore giovanile, che questo fine settimana si giocheranno gli importantissimi spareggi per accedere alle Semifinali Nazionali di categoria. Iniziano gli Under 20, sabato 21 a Modena (ore 19) contro il Novi Hockey, poi nella giornata di domenica 22 toccherà agli Under 17 scendere in pista contro l’Invicta Modena (ore 10:45 a Viserba).

Sempre domenica ma questa volta tra le mura amiche del Pattinodromo Comunale “Parco Incontro” di via Ribolle, sarà di scena la formazione amatoriale della Libertas Hockey Forlì, che alle ore 17 sfiderà l’Invicta Modena per la quinta giornata del Campionato Amatori Emilia Romagna.

Tornando alla formazione di A2 e alla “partita della salvezza”, i forlivesi aprivano le marcature con il capitano Antonio Vestrucci e poco dopo Augusto Carpeggiani raddoppiava il vantaggio. Tuttavia prima dell’intermezzo i Rhinos riuscivano a colmare il gap e le squadre rientravano negli spogliatoi sul 2-2.

La seconda frazione di gioco si apriva a favore del Treviso, che sfruttava uno svarione difensivo dei romagnoli per portarsi sul 2-3, ma il vantaggio durava poco, perché nemmeno 2 minuti più tardi Vestrucci ripristinava gli equilibri (3-3). Quindi il rientrante Luca Rosetti firmava la rete del sorpasso, seguita dai “fermini” piazzati da Andrea Bandini e Fabio Ricci (6-3). Il definitivo 7-3 veniva siglato da Eugenio ragazzi, che a filo di sirena insaccava il disco nella porta che i veneti, come estremo tentativo di rimonta, avevano lasciata sguarnita per schierare un uomo di movimento in più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento