Sport

MotoGp, Aprilia ufficializza Vinales per il 2022. Nessuna parola sul futuro di Dovizioso

Per il forlivese si fa sempre più difficile un ritorno in MotoGp

Non sarà Andrea Dovizioso ad affiancare Aleix Espargaro nel 2022 nel box Aprilia. La casa di Noale ha infatti ufficializzato Maverick Vinales, che ha posto la firma su un contratto annuale con opzione per un ulteriore rinnovo. "L’ingaggio di Viñales è un altro passo nella strategia di crescita e di sviluppo della squadra, che arriva proprio nell’anno del passaggio a factory team", viene evidenziato in una nota.  Classe 1995, Viñales ha esordito nel Motomondiale proprio in sella a una Aprilia, in classe 125, nel 2011, conquistando al debutto 4 vittorie e 5 podi laureandosi miglior rookie con il terzo posto finale. Dopo un’altra stagione ad altissimo livello ha vinto il Titolo Mondiale Moto3 nel 2013 per passare in Moto2 nella stagione successiva. Grazie al potenziale esibito nella categoria intermedia si è guadagnato il passaggio in MotoGP a partire dal campionato 2015 con Suzuki e su Yamaha dal 2017.

Nella classe regina Viñales ha colto 9 vittorie, 13 pole position e 28 podi, oltre a due terzi posti in classifica generale come miglior piazzamento finale tra i piloti. "Siamo felicissimi di annunciare l’ingaggio di Maverick, un pilota di altissimo livello, uno dei talenti più puri nella classe regina - afferma l'amministratore delegato Massimo Rivola -. Il nostro progetto si arricchisce del valore di Maverick - un Campione del Mondo che in MotoGP si è confermato un top rider - in un momento di grande cambiamento: dopo aver portato in pista una moto completamente rinnovata ed esserci stabiliti con costanza nel gruppo dei protagonisti, affrontiamo anche il passaggio allo status di Factory Team, per migliorarci sempre, per portare Aprilia al successo".

"Siamo onorati di mettere a disposizione di Viñales tutte le nostre migliori competenze insieme al nostro entusiasmo e alla nostra passione, sono certo che, come Aleix, abbraccerà un progetto dal potenziale elevatissimo - conclude Rivola -. L'arrivo di Maverick non allontana dalla nostra squadra Lorenzo Savadori che rimarrà parte integrante della famiglia Aprilia Racing". Nessuna parola invece su Dovizioso, quest'anno impiegato come tester. Per il forlivese si fa sempre più difficile un ritorno in MotoGp, a meno che, con l'addio di Petronas dalla classe regina, Yamaha non voglia disegnare un team satellite al pari di quello ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MotoGp, Aprilia ufficializza Vinales per il 2022. Nessuna parola sul futuro di Dovizioso

ForlìToday è in caricamento