Unieuro 2.015, il ritorno di Nicola Natali: "Più pressione c’è più è bello"

E' questo il compito di Nicola Natali nel roster dell’Unieuro secondo il general manager Renato Pasquali

"Un collante a tutto il talento presente nella squadra, con la mentalità giusta e la dedizione al lavoro". E' questo il compito di Nicola Natali nel roster dell’Unieuro secondo il general manager Renato Pasquali. Il classe ’88, presentato venerdì mattina, torna a Forlì dopo il biennio 2011-13: "Quando mi ha telefonato Sandro quest’estate io ero in scadenza con Varese, è stata un’opportunità che ho preso al volo. Sono qua per portare il massimo della grinta, dell’entusiasmo, dell’energia in campo, e fare da collante tra quelli che sono i talenti in grado di portare punti e numeri alle partite".

Natali è già stato allievo di coach Sandro Dell’Agnello, proprio nella sua ultima parentesi in Romagna: "Conoscendo Sandro sapevo a cosa stessi andando incontro e già adesso sto vedendo: dobbiamo puntare molto sulla difesa, sull’energia, abbiamo giocatori che trovano il modo di far canestro nei momenti di difficoltà. Si è visto in queste prime amichevoli che nel momento in cui ci stringiamo in difesa facciamo un certo tipo di gioco, nei minuti che ci sfilacciamo è tutta un’altra cosa. Abbiamo il tempo a disposizione per costruire ancora meglio questa nostra identità, tra l’altro dobbiamo avere ancora la possibilità di allenarci insieme perché dopo lockdown ed estate sono venuti acciacchi a tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sull’impiego in campo, il giocatore precisa: "Con Sandro giocherò principalmente da 4 e qualche minuto da 3, ma fare distinzione con il sistema di Sandro tra lungo e piccolo ha poco senso perché comunque anche il 4 è molto perimetrale, devi essere pronto in attacco a far girare la palla e leggere le varie situazioni, in difesa a marcare sia i piccoli che i lunghi, buttarsi nel rimbalzo, è quello che ho sempre fatto e non mi trovo niente di diverso". "C’era qualcuno che addirittura mi diceva di non tornare - svela l’ex Varese - perché avevo lasciato un bel ricordo, era andata bene. Più aspettativa e pressione c’è più è bello, come la differenza tra giocare in un palazzo vuoto e in un palazzo pieno. Andare in un palazzo pieno con tanta pressione e ricevere tanti insulti per me è sempre stato più stimolante". La Pallacanestro 2.015 ha comunicato che l’amichevole contro la Benedetto XIV Cento, inizialmente prevista per mercoledì 7 ottobre, è stata annullata e non verrà disputata.
    
    
    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per un numero sfiora il colpo da 500mila euro: giovane gioisce con una vincita al 10eLotto

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Coronavirus, possibile stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Covid-19, test sierologici rapidi gratis per studenti e famiglie: l'elenco delle farmacie

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento