Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

A Forlì ci sono 101 minori in affido, partono i lavori della commissione di indagine

Giovedì pomeriggio si è tenuta in municipio la prima riunione che ha trattato nel merito le delicate attività di affidi di minori

E’ entrata nel vivo la discussione della commissione d’indagine sui servizi per i minori istituita dal Consiglio comunale. Giovedì pomeriggio si è tenuta in municipio la prima riunione che ha trattato nel merito le delicate attività di affidi di minori. L'indagine sul sistema degli affidi nel Comune di Bibbiano in provincia di Reggio Emilia ha messo sul chi va là diverse amministrazioni locali dell’Emilia-Romagna. A Forlì, con la nuova amministrazione di centro-destra, è stata insediata una Commissione consiliare d'indagine e studio sui minori, istituita per fare chiarezza sulle dieci segnalazioni di casi dubbi arrivate all'assessorato al Welfare. I dossier su questi 10 casi sono stati consegnati ai commissari con i nomi sbianchettati, per la tutela della privacy.

La commissione ha votato un proprio regolamento e indicato nel consigliere Daniele Vergini, del Movimento 5 Stelle, la figura del vicepresidente della commissione, guidata dalla consigliera Elisabetta Tassinari. Per introdurre al tema si è passati alle audizioni di Rossella Ibba, dirigente del settore Benessere sociale e partecipazione; di Maria Teresa Amante, del Servizio minori e delle assistenti sociali Gianna Gramantieri e Chiara Mascellani. “Non si è entrato nel merito di casi specifici, ma si è fatta una panoramica, con molte domande dei consiglieri, sulla gestione degli affidi da parte del Comune di Forlì”, spiega l’assessore al Welfare Rosaria Tassinari.

Al 31 dicembre 2018 erano 101 i minori affidati, di cui 60 in comunità educativa e 41 in affidi famigliare, di cui 10 casi a parenti entro il quarti grado. Sono i numeri emersi per gli affidi a Forlì di minori che provengono da situazioni famigliari problematiche. “Un numero di casi in linea con la media regionale”, hanno specificato le funzionarie comunali. I processi di affido avvengono di concerto con l’autorità giudiziaria. Esiste anche una procedura che permette al sindaco di sottrarre i minori alle famiglie in casi particolarmente urgenti, con il coinvolgimento dell’autorità giudiziaria solo a provvedimento eseguito. Questa procedura non è mai stata attivata nel corso del 2019 e si riportano un paio di casi lo scorso anno. Le sedute successive della commissione saranno calendarizzate una volta a settimana e prevedono anche l’audizione di associazioni e cooperative che operano sul territorio.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Forlì ci sono 101 minori in affido, partono i lavori della commissione di indagine

ForlìToday è in caricamento