Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Civitella di Romagna

Allarme negli allevamenti: "Scarseggiano acqua e mangimi per gli animali nelle zone isolate dalle frane"

A fare il punto è il direttore di Coldiretti Forlì, Cesena e Rimini, Alessandro Corsini. Patrizia Petrini, referente di zona per la vallata del Bidente spiega la situazione critica nella frazione di Seggio a Civitella di Romagna

L'alluvione ha colpito duramente moltissimi settori produttivi, tra questi anche quello dell'allevamento, per il quale la maggiore emergenza adesso è il reperimento di cibo e acqua per gli animali, soprattutto nelle zone isolate. “I territori più colpiti  nel Forlivese sono quelli delle vallate del Bidente e del Rabbi, anche se le gravi difficoltà sono ovunque. Ancora l'entità di eventuali perdite non è stimabile”. A fare il punto è il direttore di Coldiretti Forlì, Cesena e Rimini, Alessandro Corsini.

“Con l'Associazione regionale allevatori dell'Emilia Romagna è stata istituita una piattaforma per le segnalazioni di emergenze dedicata a tutti i territori alluvionati, al numero 334 8440488. Il “Centro di raccolta prodotti Alimentazione Animali da reddito” si trova presso la cooperativa Libertà e lavoro, in viale dei Lombardi 57 a Savio di Ravenna, da qui saranno organizzate le forniture e consegne su tutto il territorio di fieno, paglia, mangimi, che possono anche essere donati. Essendo le strade completamente distrutte si provvederà a raggiungere gli allevamenti in difficoltà. Nelle colline infatti il problema è l'isolamento, manca il cibo per gli animali, in alcuni casi anche l'acqua” conferma Corsini.

E' stato aperto anche un conto corrente con Banco BPM (Iban IT17 V 05034 02410000000004412), intestato a ARAER al quale si può donare con causale “Alluvione in Romagna Solidarietà sopravvivenza animali da reddito”. La raccolta delle donazioni è dedicata ad acquisto di prodotti come fieno, paglia, mangimi, spese trasporto per consegne. 

Patrizia Petrini, referente di zona Coldiretti per la vallata del Bidente spiega: “Qui la situazione più critica è nella frazione di Seggio a Civitella di Romagna, ancora isolata, dove ci sono una quindicina di famiglie, 12 aziende agricole con circa 500 capi tra bovini e ovini e un capannone avicolo con di 6.500 animali, oltre ad un agriturismo che dal giorno dell'alluvione è chiuso. Per ora sono intervenuti elicotteri della marina militare a consegnare viveri per le famiglie. Per gli animali stanno finendo le scorte a, a causa di rotture nell'impianto idrico, si stanno esaurendo le scorte di acqua nelle cisterne. Inoltre ci sono capannoni distrutti, frane vicino a stalle che sono diventate inagibili, in questi casi gli animali sono stati mandati al pascolo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme negli allevamenti: "Scarseggiano acqua e mangimi per gli animali nelle zone isolate dalle frane"
ForlìToday è in caricamento