Casa di riposo Zangheri, i sindacati convocano un'assemblea: "Difficoltà di confronto". Il cda: "Ci siamo già incontrati"

Attaccano i sindacati: "Non si comprende se tale comportamento elusivo dipenda da un'inesperienza del nuovo Consiglio d'amministrazione o da un atteggiamento voluto, volto a sminuire le problematiche esistenti in struttura"

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno convocato per mercoledì alle 16 un'assemblea sindacale dei dipendenti della casa di riposo "Zangheri" "conseguentemente al perdurare delle difficoltà di confronto e relazione sindacale con la direzione". L'assemblea, stante le misure di contenimento del Covid-19 , che interessano in maniera particolare le strutture residenziali per anziani, si terrà sul marciapiede antistante l'ingresso della struttura, in Via Andrelini 5. "La direzione ad oggi continua ad ignorare tutte le richieste d'incontro formulate dalle organizzazioni sindacali, pur essendoci le condizioni, informatiche e organizzative, avendo in presenza tutte le figure deputate al confronto", evidenziano i sindacati in una nota congiunta.

"Non si comprende se tale comportamento elusivo dipenda da un'inesperienza del nuovo Consiglio d'amministrazione o da un atteggiamento voluto, volto a sminuire le problematiche esistenti in struttura - viene aggiunto -. Tutto ciò in ogni caso desta  grande preoccupazione. Il Consiglio d'Amministrazione continua a rinviare l'incontro all'insediamento del nuovo direttore che avverrà solo a dicembre, ma in questi due ultimi mesi di ”vacanza” della figura titolare, la struttura ha cumulato diverse problematiche organizzative e contrattuali: difficoltà organizzative/assistenziali nei reparti del Pensionato (Rivalta, Minardi, Polignieri, Magnani e Vassura), pianificazione turni e piani di lavoro/assistenziali del personale, carenza di personale assistenziale (operatori socio sanitari)
mancanza di personale qualificato utilizzato dalla Cooperativa e mancato riconoscimento istituti contrattuali dettati anche dalla gestione emergenza Covid-19".

Le tre sigle sindacali, viene aggiunto, "vorrebbero evitare di rivivere la situazione caotica e drammatica vissuta dal personale e dagli ospiti nella prima ondata Covid, già a suo tempo evidenziata e fatta emergere  tramite apposite segnalazioni e richieste d'intervento. Come già espresso al presidente del consiglio d'amministrazione, Luca Zambianchi, è ormai diventata una situazione d'urgenza non più rinviabile, occorre incontrarci e provare a risolvere le problematiche in essere. Le organizzazioni sindacali ci sono".

La replica

Zambianchi evidenzia che "il Consiglio d'amministrazione ha già provveduto ad incontrare i rappresentanti sindacali, per l’ascolto delle problematiche di interesse del personale e in materia di gestione dell’emergenza, lo scorso 30 ottobre, e che ha provveduto a rispondere alle richieste più tecniche ed economiche con una lettera datata 28 ottobre. Proprio in ragione del particolare momento emergenziale e in assenza del presidente di parte pubblica della delegazione trattante, ovvero del segretario-direttore, è stato rinviato al mese di dicembre l’incontro per la discussione delle materie sottoposte a contrattazione, quando entrerà in servizio il nuovo segretario-direttore come precisato con lettera del 10 novembre trasmessa alle organizzazioni sindacali"

"Le informazioni in merito alla gestione dell’emergenza vengono comunque costantemente erogate tramite il “Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19” istituito il 20 marzo scorso e di cui fa parte anche la Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza - prosegue Zambianchi -. Questo Consiglio, il personale dipendente e i liberi professionisti che operano all’interno della struttura stanno lavorando con un’organizzazione improntata programmata e finalizzata a combattere la pandemia con buoni risultati, creando, tra le altre cose, nuovi percorsi sporco / pulito, con il prezioso contributo delle nuove figure sanitarie".

"La mancanza di un incontro del tavolo di Delegazione trattante non impedisce il confronto sulle eventuali questioni più urgenti che dovessero emergere, che possono comunque essere veicolate dal Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza e dalla Rsu - viene aggiunto -. Le eventuali difficoltà organizzative vengono quotidianamente monitorate e il risultato del lavoro di tutti è positivo, nell’interesse dei lavoratori, degli ospiti e dei loro familiari. Il Consiglio di Amministrazione auspica la piena collaborazione delle organizzazioni sindacali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

Torna su
ForlìToday è in caricamento