Casa di riposo Zangheri, Wilma Vernocchi lascia la presidenza e respinge gli attacchi

Consiglieri uscenti e alcuni soci intervenuti hanno convenuto sulla necessità di condurre l’Ipab Zangheri verso una istituzione di diritto privato come la Fondazione

Wilma Vernocchi lascia dopo dieci anni la presidenza della casa di riposo Pietro Zangheri di Forlì. Sabato si è riunita l'assemblea dei soci azionisti per l’approvazione del bilancio consuntivo 2019, chiuso con un avanzo di 951mila euro) e l’elezione dei rappresentanti nel Consiglio Direttivo. L’occasione è stata parimenti quella di commiato della presidente uscente, che nell’annunciare la sua rinuncia alla candidatura quale rappresentante, ha letto un comunicato nel quale ha respinto gli attacchi che sono stati rivolti all’istituto durante il periodo della pandemia da covid-19.

Consiglieri uscenti e alcuni soci intervenuti hanno convenuto sulla necessità di condurre l’Ipab Zangheri verso una istituzione di diritto privato come la Fondazione. "Le 7546 persone che nel gennaio del 2008 firmarono la petizione consegnata all’allora sindaco Nadia Masini per chiedere la trasformazione della Zangheri in Forndazione, devono poter pensare che la loro voce non cada nel vuoto - sono le parole di Raffaele Acri, candidato come rappresentante dei soci nel consiglio direttivo -. Qualcuno purtroppo non è più presente tra noi ed il dovere della memoria e della volontà espressa deve essere salvaguardato e perpetrato". E' stata eletta rappresentante dei soci Fabiana Fiorini.

Per Italia Viva Forlì, "la vera svolta per ridisegnare l'assetto della casa di riposo Pietro Zangheri sarebbe stata quella di nominare all'interno del consiglio di amministrazione un rappresentante dei familiari degli oltre 300 ospiti che risiedono in quella struttura che, come riconosce la stessa presidente uscente Vernocchi, è la più amata dai forlivesi". Prosegue la nota dei renziani: "Italia Viva aveva avanzato una proposta in tal senso al sindaco Gian Luca Zattini (il comune di Forlì ha nominato due rappresentanti di cui uno indicato dalle opposizioni) ma, purtroppo, le altre forze politiche di opposizione, in particolare Forlì & Co e Partito Democratico, non hanno condiviso la nostra proposta e hanno preferito indicare un'altra rappresentante".

"Augurando buon lavoro" al nuovo consiglio d'amministrazione, Italia Viva "auspica che le personalità che ne fanno parte sappiano imprimere maggiore apertura e trasparenza gestionale non solo agli ospiti e ai loro familiari, ma anche al personale e all'intera comunità forlivese anche attraverso la valorizzazione del Comitato residenti e familiari. Siamo pronti a collaborare in tal senso, nella certezza che questo sia più che mai il momento di unire gli sforzi verso obiettivi comuni".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Travolto da un'auto in sorpasso, sciagura in via Del Partigiano: ciclista perde la vita

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

Torna su
ForlìToday è in caricamento