Il daino Chicco dopo il giro al bar viene portato in un centro di riabilitazione IL VIDEO

Ad circa un mese dalla sua ormai "famosa" passeggiata per le vie di Santa Sofia, il daino Chicco è stato portato in un centro per la fauna selvatica a Ravenna, come previsto dalla legge

A circa un mese dalla sua ormai “famosa” passeggiata per le vie di Santa Sofia, il daino Chicco è stato portato in un centro per la fauna selvatica a Ravenna, come previsto dalla legge. Spesso la legge va in una direzione opposta al cuore e quindi non è stato possibile lasciare l'animale nel contesto in cui è stato “addomesticato”, vale a dire nei pressi della frazione di Camposonaldo. Il daino, arrivato tra le poche case tempo fa e di fatto poi “adottato” e nutrito dai cittadini del posto pur lasciato sempre in libertà, ha fatto parlare di sé quando inseguendo lo scuolabus dei suoi amichetti, i bambini della frazione, ha iniziato a passeggiare in pieno centro a Santa Sofia.

E' capitato il 14 gennaio. Chicco, col suo campanellino al collo, ha passeggiato per la piazza centrale di Santa Sofia, facendosi accarezzare e perfino entrando nel bar, incurante dei diversi clienti all'interno. GUARDA IL VIDEO. Chicco è stato poi catturato dagli uomini della Forestale e temporaneamente affidato al vicesindaco Piero Lungherini, che a sua volta aveva riportato il daino nel suo contesto: la zona di Camposonaldo. Da un paio di settimane, tuttavia, Chicco è stato portato in un centro riabilitativo per la fauna selvatica di Ravenna, come previsto dalla legge. Lo conferma il comandante della Forestale di Forlì-Cesena Giampiero Andreatta: “Pur molto docile e abituato al contatto con l'uomo, parliamo pur sempre di un giovane maschio che, nella stagione degli amori, può diventare pericoloso”.

La legge, in particolare, prevede che nessuno si possa impossessare di animali selvatici, in quanto questi sono tecnicamente patrimonio dello Stato. Su questo è arrivata la dura protesta dei Verdi contro la Provincia di Forlì-Cesena, che ha la competenza sulla fauna selvatica. Se questi animali, per vari motivi, si distaccano dal loro habitat devono essere portati in centri specializzati dove in tempi molto lunghi – e purtroppo con poche garanzie di successo – dovrebbero essere “rieducati” e quindi rimessi in libertà. Molto più spesso restano in questi centri per sempre.

VIDEO DA YOUTUBE:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento