Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca Meldola

Benzina low-cost nel periodo più caldo: "In molti hanno riallineato i prezzi ai nostri, benefici per tutti"

Il nostro territorio, a differenza di quelli vicini di Cesena e Faenza, non aveva ancora conosciuto il fenomeno dei carburanti low-cost proposti dalle insegne della grande distribuzione alimentare

Ha aperto nel momento storico più duro per i carburanti, con la benzina che era arrivata abbondantemente sopra i 2,3 euro al litro prima dell'intervento calmierante del governo. Ed ora tira le somme del primo mese di attività Cristian Zanfini, responsabile del primo distributore di benzina Conad nel Forlivese, quello aperto alle porte di Meldola lo scorso 28 febbraio. Il nostro territorio, a differenza di quelli vicini di Cesena e Faenza, non aveva ancora conosciuto il fenomeno dei carburanti low-cost proposti dalle insegne della grande distribuzione alimentare, che è spuntato accanto ai distributori dei colossi petroliferi e alle più recenti 'pompe bianche' che praticavano già prezzi mediamente più bassi. L'effetto indiretto è stato anche la riduzione dei prezzi in un'area che va dal Ronco fino a tutta la valle del Bidente.

“Abbiamo aperto nel momento storico più difficile per i carburanti – spiega Zanfini -, ma possiamo dire, dopo poco più di un mese, che è stata una scommessa vinta”. A causa dell'aggressione di Putin all'Ucraina, infatti, i prezzi dei carburanti sono impazziti, dipendendo l'Italia per l'energia dalla Russia. E proprio nel momento della spirale più nera dei rincari in tantissimi hanno guardato al maggior risparmio possibile, almeno per coloro che non hanno optato direttamente per lasciare la macchina in garage e utilizzare altri mezzi. A beneficiarne è stata la stazione di servizio Conad. “Ci hanno scelto per una politica di prezzi competitivi, ma ritengo anche sulla base di fiducia che l'acquirente ripone nel marchio, che già utilizza per la spesa al supermercato. Magari un simile atteggiamento non ci sarebbe stato per una catena sconosciuta”, dice Zanfini.

I primi dati indicano che hanno affollato il distributore Conad di Meldola circa mille utenti al giorno, che significa circa uno al minuto se si esclude la fascia oraria notturna. Il dato complessivo dall'apertura è di 32.500 utenti per un totale di 720mila litri di carburante erogato, quindi con rifornimenti superiori ai 20 litri a testa. “Per noi sono numeri importanti – esplicita Zanfini -, consapevoli anche di aver dato un beneficio a tante famiglie colpite dai rincari”. Un beneficio anche indiretto: “Meldola si è trovata di colpo tra i Comuni con i prezzi più competitivi in Italia per i carburanti, un riallineamento che si è esteso anche a Forlì”. I prezzi dei carburanti, infatti, hanno avuto una sensibile riduzione lungo tutto l'asse della strada provinciale del Bidente fino a Forlì, in base anche alle rilevazioni operate da ForlìToday nell'ultimo mese.

Il bacino di utenza del nuovo distributore va da Corniolo a Meldola, lungo tutto l'asse della valle del Bidente, ma con tante persone che girano per lavoro o altri motivi nella zona di Meldola, per cui il distributore conta da un grande afflusso anche da Forlì. Il distributore di via Roma 60 è arrivato dopo quello di Faenza, attivo da febbraio 2010, e quello di Cesena, aperto a maggio 2012, si tratta del terzo impianto in Romagna della cooperativa di dettaglianti Commercianti Indipendenti Associati, il quarantesimo  a marchio Conad in Italia. La stazione dispone di 6 piste di erogazione per benzina e gasolio, 4 isole per gpl ed una colonnina per ricarica elettrica. Attualmente i prezzi praticati sono di 1,64 euro per litro di benzina self service, 1,68 euro per il diesel e 0,79 euro per il gpl (prezzi arrotondati al millesimo di euro).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina low-cost nel periodo più caldo: "In molti hanno riallineato i prezzi ai nostri, benefici per tutti"
ForlìToday è in caricamento