E' padre di quattro figli: l'infermiere Carlo Bartoloni è il "Babbo più Bello d’Italia Evergreen"

Gli sfidanti si sono “dati battaglia” cimentandosi in varie prove di abilità, chi ha cantato, chi ha ballato, chi ha proposto un esercizio sportivo, chi ha dedicato poesie

Fa l'infermiere ed è padre di Federica, Beatrice, Eleonora e Sofia, rispettivamente di 26, 24, 16 e 14 anni. C'è anche un forlivese tra i premiati della 26esima edizione del concorso di simpatia e bellezza dedicato al "Babbo più Bello d’Italia 2020", la cui finalissima si è svolta sabato scorso all’Arena Arcobaleno di San Mauro Mare - Riviera Romagnola. Si tratta del sessantenne Carlo Bartoloni, premiato del titolo di "Evergreen", dedicato ai genitori con più di 56 anni. Sul palcoscenico hanno sfilato 20 papà.

A trionfare è stato Alessio Chiriano, 37 anni di Traversetolo (Parma). Gli sfidanti si sono “dati battaglia” cimentandosi in varie prove di abilità, chi ha cantato, chi ha ballato, chi ha proposto un esercizio sportivo, chi ha dedicato poesie, chi si è cimentato in originali prove “creative”, chi ha illustrato originali ricette gastronomiche e chi ha eseguito il cambio del pannolino (ovviamente, usando una bambola). "Il Babbo più Bello d’Italia" (marchio registrato) è un concorso di bellezza e simpatia ideato da Paolo Teti e riservato ai papà dai 25 ai 45 anni, con fascia “Gold” per i papà dai 46 ai 55 anni e fascia “Evergreen” per i papà con più di 56 anni. L’evento è stato condotto da Teti e da Barbara Semeraro, “Miss Mamma Italiana Sponsor Top 2016”.

Papà vincitori-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento