La Festa Artusiana ha un “artusiano Doc”: è l’assessore regionale Rabboni

"Rabboni da anni sostiene il progetto di Forlimpopoli Città Artusiana", ha detto il sindaco Mauro Grandini in occasione della consegna avvenuta a Casa Artusi

La Festa Artusiana ha un “artusiano Doc”. E’ l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni a cui il sindaco Mauro Grandini ha consegnato una statuetta raffigurante l’immagine del gastronomo, realizzata dall’artista Pasquale Martelli. “Rabboni da anni sostiene il progetto di Forlimpopoli Città Artusiana  – ha detto il sindaco Mauro Grandini in occasione della consegna avvenuta a Casa Artusi – Ci è sembrato giusto omaggiarlo con questa simbolica statuetta che attesta il suo essere artusiano doc”.

Fra una degustazione e l'altra, il pubblico più curioso può vistare le mostre (sino a domenica), ospitate in diversi luoghi della festa, unite dal comune denominatore del cibo. Nella sala Mostre della Rocca è accolta “Mangiare ai tempi della fame”, dedicata alle tradizioni culinarie dell’Appennino tosco-romagnolo, raccontati attraverso oggetti del tempo e ricette. Importanti testimonianze artusiane troviamo nella Biblioteca di Casa Artusi nell’esposizione documentaria “Illustrissimo Sig. Artusi”, che per la prima volta mette in mostra inediti carteggi del gastronomo, anche a seguito della donazione della famiglia Santini di Cesena.

Una bella occasione anche per ammirare la Chiesa dei Servi con i suoi preziosi arredi e quadri, è costituita dalla mostra “Santi protettori e…cibo” a cura dell’Associazione Il lavoro dei contadini. La mostra presenta una raccolta di Santi celebrati nel nostro territorio in stretto legame con la conoscenza del mangiare: era un gesto religioso ringraziare Dio prima di mettersi a tavola. Nella Sacrestia, inoltre, è allestita la bottega artigiana di stampe romagnole del maestro stampatore Egidio Miserocchi.

Passando al programma di venerdì, la Chiesa dei Servi a Casa Artusi alle 15,00 ospita un convegno sul tema della filiera corta e dell’allevamento familiare, che mette a confronto esperienze italiane e internazionali di produttori, trasformatori e istituzioni. Tutto questo alla luce di quanto annunciato dalle Nazioni Unite che hanno nominato il 2014 anno internazionale dell’agricoltura familiare, con oltre 500 milioni di aziende al mondo. Nella mattinata (ore 10) sempre Casa Artusi, il seminario internazionale  “Educare al buono, sano e giusto”, nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale tra Italia, Croazia e Albania.

Il programma della sera propone alle 19 la visita guidata nel Museo Archeologico “T.Aldini, “Stare a tavola dalla preistoria al rinascimento”, a cura della Fondazione RavennAntica (info 346 5018301). Alle 21 in Piazzetta Berta e Rita lo scrittore e gastronomo Graziano Pozzetto presenta il suo nuovo libro “La Cucina del Parco del Delta, da Comacchio o Cervia“. A dialogare con l’autore il presidente dell’Accademia Artusiana Maurizio Artusi, al termine assaggi a tema. Sempre alle 21 al cinema Teatro Verdi proiezione del film “La mafia uccide solo d’estate” di Pif.

Per gli appuntamenti del gusto in piazza Artusi: l’agriturismo “Il Gufo e la Civetta” di Civitella propone le due delizie; l’unione dei Comuni della Romagna Forlivese propone la cucina dei ristoratori di Corniolo Campigna e della Proloco; nella Città dei sapori, la cucina friulana della Carnia e Gemona, affiancata dal formaggio di fossa di Sogliano; nello spazio di Bertinoro, l’Osteria “L’Alternativa di Carlo”; per “Cervia e il sale dolce”, il parco della salina di Cervia abbina l’oro bianco con i prodotti gastronomici e la linea benessere; la cucina catalana di Sils nei sapori d’Europa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Istituto Istruzione Superiore di Forlimpopoli propone una cena a base di pesce, mentre ai Torrioni della Rocca ci sono i laboratori con le Bollicine. Il programma degli spettacoli propone 14 eventi per tutte le età e i generi. Si parte alle 20,30 con il Laboratorio Artusiano degli artisti di strada, coordinato da Simone Toni, che animerà sette punti della città. Per i più piccoli quattro le proposte con gli Allegri Birichini, La Pina e Gulliver, il laboratorio di mosaico”, Arlecchino, Pulcinella… Tutti cotti in padella. Tre gli appuntamenti musicali: le sonorità austriache di Martin Wittibschlager di Traun insieme al sindaco francese di Oingt (ore 21, Mercato contadino); il quartetto The Same Old Shoes (ore 22, Musica nel fosso); il tributo agli Eagles dei Tequila Sunrise (ore 23 alla Rocca). Per il teatro, “Le Frattaglie”, riflessione tra cibo e corpo, nella sala mostre della Rocca (ore 21,30).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Covid-19, un'altra vittima a Forlì. Nessun contagiato nelle ultime ore e altri 9 guariti

  • Covid-19, muore un 81enne di Forlimpopoli. E' la 105esima vittima nel Forlivese

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento