rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Tornano da Bologna con il carico di "maria": la scorribanda finisce con le manette tra i polsi

Tutto ha avuto inizio quando i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Forlì, nell’ambito di uno specifico servizio finalizzato al contrasto sullo spaccio e consumo di sostanze stupefacenti in città, hanno intercettato un’auto

E' finita con le manette tra i polsi, per detenzione di sostanze stupefacenti, la scorribanda di quattro giovanissimi. L'episodio si è consumato nella tarda serata di martedì. Tutto ha avuto inizio quando i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Forlì, nell’ambito di uno specifico servizio finalizzato al contrasto sullo spaccio e consumo di sostanze stupefacenti in città, hanno intercettato un’auto con quattro giovani a bordo procedere a forte velocità verso il centro, dopo aver varcato l’uscita del casello autostradale.

Insospettiti dal loro comportamento, i militari approfondivano i controlli, rinvenendo occultati addosso a tre di loro, involucri contenenti complessivamente circa 80 grammi di marijuana. Sono così scattate le manette per un algerino di 23 anni residente a Galeata; un 21enne del Burkina Faso residente a Forlì ed un 18enne forlimpopolese. Il conducente del mezzo, un giovane romeno residente a Forlì, che non aveva stupefacenti addosso, è stato denunciato in stato di libertà.

Secondo quanto appurato dagli inquirenti, il quartetto era appena rientrato da Bologna, dove era stata acquistata la droga. Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati riportati nelle rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari. Mercoledì pomeriggio si è svolta l’udienza di convalida davanti il Tribunale di Forlì. Il giudice ha disposto l’obbligo di dimora per tutti con la prescrizione di non lasciare l’abitazione dalle 21 alle 7, rinviando per il processo a venerdì prossimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano da Bologna con il carico di "maria": la scorribanda finisce con le manette tra i polsi

ForlìToday è in caricamento