menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il circolo ricreativo chiama i cittadini: "I vostri messaggi e disegni in vetrina per il Giorno della Memoria"

La vetrina del Demodè vuole ospitare messaggi, parole, disegni, fiori, ricordi di chiunque abbia voglia di passare e lasciare un segno, un pezzo di sé che possa tenere viva la memoria

Il circolo ricreativo Demodè mette a disposizione la sua vetrina per il Giorno della Memoria. "Siamo da sempre vicini ai giovani ma non solo, ed è per questo che nonostante le chiusure imposte dal governo per la Giornata della Memoria abbiamo deciso di esserci - spiegano dal circolo di corso Garibaldi - Bisogna parlare di questo dolore, di questa memoria, bisogna educatamente urlare questo infinito buco nero della nostra storia, bisogna parlarne con i giusti modi anche ai più piccoli, bisogna continuare a provare dispiacere per questo genere di violenza e per tutto quello che violenza in genere è".

Il circolo ha organizzato l'evento 'Vicini alla memoria e lontani dalla violenza': "Metteremo la nostra vetrina esterna centrale a disposizione della memoria. Durante la giornata del 27 gennaio la vetrina del Demodè vuole ospitare messaggi, parole, disegni, fiori, ricordi di chiunque abbia voglia di passare e lasciare un segno, un pezzo di sé che possa tenere viva la memoria. Il circolo sarà ovviamente chiuso, si potrà però lasciare la propria testimonianza grazie a un piccolo corner che metterà a disposizione fogli di carta, penne e matite, nastro adesivo, tutto per poter "colorare" di memoria la nostra vetrina, oppure prepararsi già qualche cosa da casa e attaccarla in autonomia una volta qui. Non è possibile essere uccisi o denigrati per chi si è, per nascita, per genetica, è un concetto davvero pazzesco e devastante. Confidiamo in un sicuro, ben gestito a livello contrasti e assembramenti, passaggio di persone  di ogni età. La vetrina rimarrà coi messaggi fino al primo di febbraio. Gli stessi messaggi verranno poi raccolti e conservati in un nostro libro della memoria".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento