rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
Cronaca

Il nuovo appello dell'ex ispettore della Dia Pippo Giordano: "Gli studenti non conoscono il martirio di Ruffilli, va raccontato a scuola"

"L'omicidio di Ruffilli, nonostante avessi visto centinaia di morti ammazzati dalla mafia, mi colpì particolarmente", spiega Pippo Giordano, l’ex ispettore della Dia che in passato ha combattuto la mafia anche al fianco dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

"Gli studenti non conoscono affatto il martirio del prof Roberto Ruffilli, e ciò mi spiace tantissimo". Pippo Giordano, l’ex ispettore della Dia che in passato ha combattuto la mafia anche al fianco dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, propone di dedicare qualche ora di studio nelle scuole forlivesi, per ricordare la figura del senatore Roberto Ruffilli, barbaramente assassinato dalla Brigate rosse a Forlì, il 16 aprile del 1988. "I miei precedenti appelli sono caduti nel vuoto e mi dispiace contatare che gli studenti forlivesi non conoscano il martirio del professore".

"L'omicidio di Ruffilli, nonostante avessi visto centinaia di morti ammazzati dalla mafia, mi colpì particolarmente - prosegue Giordano -. Conoscevo il senatore Ruffilli tempo prima dell'omicidio. Infatti avevo scortato sino a casa sua in corso Diaz, Ciriaco De Mita, e poi condussi le indagini in prima persona sull'omicidio (all’epoca era responsabile della Sezione Antiterrorismo della Digos di Forlì. ndr).

Lo stesso Giordano, in occasione della visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha donato una copia della sentenza di condanna emessa nel 1990 dalla Corte d’Assise di Forlì nel processo per l’omicidio del senatore Roberto Ruffilli. Martedì mattina Giordano non ha potuto partecipare alla commemorazione che si è svolta in Corso Diaz, impegnato in una lezione di legalità ai ragazzi della scuola elementare di Santa Maria Nuova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo appello dell'ex ispettore della Dia Pippo Giordano: "Gli studenti non conoscono il martirio di Ruffilli, va raccontato a scuola"

ForlìToday è in caricamento