Cronaca

Il sindaco Drei incontra il nuovo procuratore capo: "La sua esperienza un valore per la nostra comunità"

Cameli si è insediata mercoledì nel palazzo di giustizia. Dopo aver fatto una visita all'inizio di giugno, ha preso pieno possesso degli uffici della Procura della Repubblica

Il sindaco di Forlì, Davide Drei, ha incontrato giovedì mattina il nuovo procuratore capo della Repubblica di Forlì, Maria Teresa Cameli. "Ho portato il mio personale benvenuto, a nome dell’amministrazione Comunale e dell’intera città di Forlì - afferma il primo cittadino -. La sua esperienza e professionalità, nell’esercizio di un ruolo così delicato e fondamentale, rappresentano un valore per la nostra comunità. Nel rinnovare la disponibilità dell’amministrazione alla collaborazione tra istituzioni, così come avvenuto in questi anni, nel corso dell’incontro svoltosi in un clima di cordialità, ho rivolto al procuratore capo Cameli l’augurio di un buon e proficuo lavoro".

Cameli si è insediata mercoledì nel palazzo di giustizia. Dopo aver fatto una visita all'inizio di giugno, ha preso pieno possesso degli uffici della Procura della Repubblica, andando così a sostituire Sergio Sottani, che ha lasciato Forlì da quasi un anno, dopo i sei anni di servizio nella nostra provincia. Per il nuovo procuratore l'arrivo a Forlì è una sorta di ritorno in città. Cameli, infatti, ha studiato al Liceo Classico “Morgagni” prima di continuare gli studi universitari a Bologna, figlia dell'allora comandante del Gruppo Carabinieri di Forlì (l'attuale comandante provinciale). La sua carriera nella magistratura si è poi snodata in varie parti d'Italia, tra cui anche la prima linea contro la criminalità organizzata in Calabria. “Ho trovato in Procura molti colleghi giovani ed entusiasti, sarà stimolante lavorare con loro – spiega -. Cammineremo assieme per dare risposte alle richieste di giustizia che provengono dai cittadini”. Dal punto di vista interno si dovrà anche far fronte alla mancanza di personale amministrativo, in particolare quello dirigenziale. Cameli non si sbilancia ancora sulle emergenze per la sicurezza nel nostro territorio: “Avendo lavorato in luoghi come la Calabria, ci sono evidentemente meno problematiche a Forlì-Cesena, ma ogni territorio ha la sua specificità”.

Cameli si trasferirà in città. Il primo impatto con Forlì? “Il mio ricordo risale ai tempi del liceo, l'ho trovata molto migliorata e cresciuta, basti guardare il Polo museale del San Domenico, la presenza dell'Università. Al San Domenico ero stata alcuni anni fa in occasione di una delle grandi mostre, quella dedicata a Giovanni Boldini. In generale ho trovato un grande miglioramento della Romagna, che è una terra di lavoratori e di persone attaccate al loro territorio”. Mercoledì mattina si è tenuta la rituale cerimonia di insediamento. Per il nuovo procuratore si apre ora un periodo di visite istituzionali, per poi partire e mettere mano ai dossier più caldi attualmente presenti nell'ufficio che si occupa delle indagini giudiziarie, l'ultima delle quali è stata quella che riguarda il Cesena Calcio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco Drei incontra il nuovo procuratore capo: "La sua esperienza un valore per la nostra comunità"

ForlìToday è in caricamento