rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Via Carlo Zotti, 18

Infortunio all'inceneritore "Mengozzi": l'operaio è in prognosi riservata

Il paziente, dopo esser stato stabilizzato, è stato trasportato col codice di massima gravità all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Vecchiazzano. I medici si sono riservati la prognosi

E' ricoverato in prognosi riservata, nel reparto di Chirurgia del'ospedale di Forlì, l'operaio forlivese di 45 anni rimasto gravemente ferito nel primo pomeriggio di martedì in un infortunio sul lavoro all'inceneritore di rifiuti ospedalieri "Mengozzi", in via Carlo Zotti. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, effettuata dagli agenti della Volante della Questura di Corso Garibaldi e dal personale della medicina del lavoro, il malcapitato è stato colpito dal portellone di chiusura di un macchinario. Immediato l'allarme al 118, con i sanitari che hanno operato con un'ambulanza e l'auto col medico a bordo. Il paziente, dopo esser stato stabilizzato, è stato trasportato col codice di massima gravità all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Vecchiazzano. I medici si sono riservati la prognosi.

Incidente sul lavoro all'inceneritore "Mengozzi"

SINDACATI - Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, hanno chiesto "un incontro urgente" con la direzione aziendale per chiedere, si legge in una nota, "tutte le informazioni necessarie sui sistemi di sicurezza, verificare che tutti gli impianti siano a norma e che vi sia il rispetto delle regole in materia di 81/2008. Siamo inoltre ad informare tutti i lavoratori della nostra intenzione di convocare un assemblea per discutere di sicurezza nel luogo di lavoro in quanto incidenti di questa gravità non dovrebbero accadere". "In attesa di conoscere le dinamiche dell'incidente - concludono i sindacati - chiediamo ai lavoratori che riscontrassero delle anomalie sulla sicurezza di segnalarlo agli organi preposti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortunio all'inceneritore "Mengozzi": l'operaio è in prognosi riservata

ForlìToday è in caricamento