Cronaca

Madre e figlio senegalesi si ritrovano nel centro Caritas di Meldola. Lei lo credeva morto

Sembra una fiaba la storia che qualche giorno fa ha fatto rincontrare madre e figlio dispersi da anni

Una storia vera che sembra una fiaba. Una donna senegalese, ospitata dal centro Caritas di Meldola, come un miraggio ha visto il figlio spuntare dall'ingresso del centro, quel figlio che credeva morto da anni. È successo qualche giorno fa quando il ragazzo, un richiedente asilo senza fissa dimora ospitato fino a poco fa nel centro di accoglienza di Borello, si è recato insieme ad altri fissa dimora alla Caritas di Meldola per trascorrere una serata in compagnia e "respirando i profumi etnici di casa". Quando ha varcato la porta, la madre non poteva credere ai suoi occhi: il figlio che era stata costretta a lasciare in Senegal quando era partita per cercare lavoro in Italia era lì, davanti a lei. Prima lo stupore, l'incredulità, poi un abbraccio infinito, di quelli che solo una madre può regalare.

La donna, durante gli anni di lavoro in Italia, spediva i soldi a casa in Senegal, ma a un certo punto ha smesso di ricevere notizie dal figlio, che nel frattempo aveva utilizzato quei soldi per arrivare a Cesena, sulle tracce della madre. Perse le tracce l'uno dell'altro, i due si erano ormai rassegnati, fino a quando grazie all'aiuto dei volontari dei centri d'accoglienza hanno potuto finalmente riunirsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madre e figlio senegalesi si ritrovano nel centro Caritas di Meldola. Lei lo credeva morto

ForlìToday è in caricamento